rotate-mobile
Attualità

Botti di fine mandato, 20 milioni per Villa Olmo e Palazzetto dello Sport

Il Comune di Como chiede finanziamenti nell'ambito del bando per la rigenerazione urbana

Una vecchia volpe della politica italiana come Giulio Andreotti, ripeteva spesso che "a pensar male si fa peccato ma spesso ci si indovina". Ed è abbastanza normale ricondurre gli annunci di fine stagione alle imminenti elezioni. Un peccato dal profumo irresistibile. Soprattutto se riguarda due luoghi che attendono da troppo tempo una definitiva sistemazione. Ma veniamo alla sostanza, ovvero al fatto che i comuni capoluogo possono richiedere fino a 20 milioni euro nell’ambito della rigenerazione urbana entro la fine di marzo.

All’interno di questo bando è già stato finanziato il completamento del progetto di Villa Olmo con oltre 8,8 milioni. Oggi la giunta comunale, su proposta dell’assessore ai Lavori pubblici Pierangelo Gervasoni, ha deliberato di partecipare per un importo di ulteriori 11,05 milioni di euro utili a finanziare interamente il nuovo palazzetto dello sport di Muggiò. Come noto, l’amministrazione comunale per la realizzazione del progetto ha gia ottenuto lo stanziamento di 3,45 milioni di euro dalla Regione nell'ambito del Patto per la Lombardia. La scorsa estate il Comune aveva dato incarico di redigere un progetto di fattibilità per la nuova struttura sportiva. Il nuovo finanziamento andrebbe a coprire interamente i costi di un nuovo palazzetto da 2.150 spettatori, per un importo complessivo di 14,5 milioni di euro.

«Quello di oggi è un passaggio fondamentale che consentirebbe di realizzare un’opera attesa da anni - spiega il sindaco Mario Landriscina - e permetterebbe lo sviluppo delle attività sportive di alto livello da parte delle società cittadine, che negli ultimi anni hanno sofferto la mancanza di una struttura adeguata a causa della scarsa manutenzione effettuata in passato».

«Si tratta di un’occasione unica per ottenere un finanziamento importantissimo - commenta l’assessore Pierangelo Gervasoni - A differenza del progetto di Villa Olmo, in questo caso possiamo disporre di una base progettuale più avanzata, elemento che fa ben sperare per il buon esito del bando».

Nella seduta di giunta inoltre è stata presentata dall’assessore allo Sport Paolo Annoni la proposta di rinnovo dell’accordo triennale con il comune di Casnate con Bernate per la gestione del Palafrancescucci alle stesse condizioni contrattuali del triennio precedente.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Botti di fine mandato, 20 milioni per Villa Olmo e Palazzetto dello Sport

QuiComo è in caricamento