Cronaca

Truffa delle auto usate in Ticino: la polizia cantonale indaga su una comasca

Ecco il numero da chiamare se pensate di essere stati ingannati

Da diversi mesi la polizia cantonale ticinese riceveva segnalazioni di automobilisti che sospettavano di aver comprato un’auto usata con delle caratteristiche che non corrispondevano a quelle dichiarate sui documenti. In particolare i loro dubbi erano concentrati sull'anno reale della prima immatricolazione e su tutti quei valori legati appunto all'anno in cui l'auto è stata prodotta - come la sua capacità di immettere inquinanti - ma anche sui rapporti con il fabbricante, la casa automobilistica per esempio alcune di queste auto sono state comprate come ancora in garanzia quando in realtà non lo erano più. Le auto risultavano tutte immatricolate e messe in prima circolazione all'estero e poi rivendute usate in Svizzera.

Ora, come racconta tio.ch, sono state fermate 4 persone, grazie a una serie di perquisizioni effettuate nelle filiali del Gruppo Cadei, una serie di autosaloni attivi nella vendita di veicoli multimarca. Si tratta di un 62enne e di una 24enne italiani ma residenti nel mendrisiotto, di un cittadino svizzero di 35 anni residente nel luganese e di una sua coetanea della provincia di Como. Di quest'ultima però la posizione è ancora al vaglio degli inquirenti.

La polizia cantonale ha istituito un help desk attivo fino al 7 febbraio. Tutti coloro che hanno comprato un auto usata in Canton Ticino e che sospettano di essere stati truffati possono rivolgersi a questo numero: +41 0884 01 17 112.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Truffa delle auto usate in Ticino: la polizia cantonale indaga su una comasca

QuiComo è in caricamento