Cronaca Viale Giuseppe Sinigaglia, 2

Como-Varese, tifosi agitati: polizia costretta a usare i lacrimogeni

Partita anche qualche manganellata per evitare il contatto tra tifoserie

Momenti di tensione intorno allo stadio Sinigaglia

Tensione altissima domenica 14 gennaio 2018 a Como per il derby con Varese. 
Nel primo pomeriggio, poco prima dell'inizio della partita (fischio d'avvio alle 14.30) sono stati registrati tentativi di scontro tra le due opposte tifoserie soprattutto nella zona intorno allo stadio Sinigaglia e in viale Rosselli.
Gli animi di comaschi e varesini si sono surriscaldati in fretta cercando il contatto, ma i due gruppi non sono mai arrivati a fronteggiarsi direttamente. Nessuno scontro diretto tra tifoserie grazie alla polizia in assetto antisommossa che ha impedito i contatti tra tifosi. 


Ci sono stati però alcuni momenti di alta tensione con il lancio di fumogeni che hanno costretto gli agenti a lanciare lacrimogeni per tenere a bada gli ultras. Le immagini sono state scattata da un palazzo della zona: l'aria si è presto impregnata del fumo dei lacrimogeni rendendo difficile stare all'aperto.
Partita anche qualche manganellata da parte degli agenti per mantenere l'ordine ed evitare che la situazione degenerasse. 
Non si registra nessun ferito. La partita allo stadio Sinigaglia inizia quando la situazione sembra essersi calmata, anche se la tensione rimane alta.
Situazione tutt'altro che inattesa: proprio in vista di possibili scontri tra tifoserie Comune e Questura in settimana avevano annunciato
una serie di provvedimenti a tutela della sicurezza in tutta la zona intorno allo stadio, con divieti di sosta e circolazione e l'installazione delle cancellate. 
Per i tifosi del Varese il Prefetto aveva concesso la vendita solamente di 300 biglietti.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Como-Varese, tifosi agitati: polizia costretta a usare i lacrimogeni

QuiComo è in caricamento