rotate-mobile
Attualità

Proclamato lo sciopero generale nel giorno delle donne: l'8 marzo a rischio anche i treni Trenord

Orari e fasce garantite

È stato proclamato un nuovo sciopero generale nazionale. La data cerchiata in rosso sul calendario è quella di venerdì 8 marzo, giornata della festa della donna che ormai da anni coincide con agitazioni proclamate proprio per rivendicare maggiori diritti da parte delle donne, con il motto di "Lotto marzo". 

L’8 marzo non è una data qualsiasi. “Abbiamo colto da subito la necessità di strappare una giornata simbolica” spiega Usb in una nota “alla retorica della ricorrenza rituale per ricollocarla nello spazio che le è proprio: la lotta”, evidenziando le origini di questa giornata legate alle rivendicazioni dei diritti delle donne tra cui il diritto di voto. “Sono tanti i nessi strutturali che compongono la violenza contro le donne e di genere e se, sicuramente, il dato più drammatico è rappresentato dal numero crescente di stupri e femminicidi, non è possibile sottovalutare la violenza culturale, istituzionale ed economica”, prosegue la nota. 

Il ministero dei trasporti spiega che lo sciopero è stato indetto da Slai Cobas e riguarda i lavoratori di tutte le categorie pubbliche, private e cooperative. I disagi maggiori, come sempre, rischiano di verificarsi nei trasporti, tra cui i treni Trenord che potrebbero fermarsi. Stando a quanto si legge sullo stesso portale, i ferrovieri potranno incrociare le braccia dalla mezzanotte alle 21, mentre i lavoratori del Tpl potranno astenersi dal lavoro per "24 ore con modalità territoriali". Nella lunga lista di sigle che hanno aderito all'agitazione generale ci sono anche Usb e Cub - con esclusione, però, del comparto trasporti-, e Adl Cobas. 

I convogli Trenord potrebbero essere a rischio dalla notte fino alle 21 dell'8 marzo. Come sempre saranno previste fasce di garanzia, finestre orarie in cui la circolazione dei mezzi è assicurata. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Proclamato lo sciopero generale nel giorno delle donne: l'8 marzo a rischio anche i treni Trenord

QuiComo è in caricamento