Cronaca Via Bellinzona, 299

Supera il confine in monopattino, la Svizzera lo espelle: arrestato con documenti falsi

Nei guai ragazzo ucraino di 20 anni

Un giovane ucraino di vent'anni è stato arrestato dalla polizia di frontiera di Ponte Chiasso dopo che le autorità elvetiche lo hanno espulso. Infatti, le guardie di confine di Chiasso lo avevano notato parcheggiare una bicicletta negli spazi doganali per poi oltrapassare il confine a bordo di un monopattino elettrico. A un controllo i suoi documenti sono risultati irregolari, tanto è vero che aveva con sé una carta d'identità bulgara con dati diversi dalle generalità riportate sul modulo che aveva compilato per l'espatrio. Come se non bastasse la biciletta con la quale era arrivato in dogana è risultata essere stata rubata a Como da un'abitazione di via Rosales. Il giovane è stato, dunque, arrestato dalla polizia di frontiera italiana alla quale è stato consegnato dalle autorità elvetiche. Le accuse, per lui, sono di possesso di documento falso idoneo all'espatrio, falsità materiale e ricettazione. E' stato anche sanzionato per il mancato rispetto delle disposizioni Covid.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Supera il confine in monopattino, la Svizzera lo espelle: arrestato con documenti falsi

QuiComo è in caricamento