Cronaca

Suonatori di strada, anche l'assessore si lamenta: "A volte sono intollerabili"

Suonatori di strada e questuanti sono da tempo al centro delle lamentele di commercianti e residenti del centro storico di Como. Persino l'assessore alla Sicurezza e Patrimonio del Comune di Como, Marcello Iantorno, si è lamentato con uno di loro...

musicante-iantorno

Suonatori di strada e questuanti sono da tempo al centro delle lamentele di commercianti e residenti del centro storico di Como. Persino l'assessore alla Sicurezza e Patrimonio del Comune di Como, Marcello Iantorno, si è lamentato con uno di loro che suonava da circa un paio d'ore in via Indipendenza, proprio a pochi passi dallo studio legale dell'avvocato Iantorno. L'assessore si è affacciato alla finestra e con toni decisi ha chiesto al musicante di smetterla di suonare o per lo meno di abbassare il volume (nella foto il giovane artista di strada che raccoglie le sue cose dopo la strigliata di Iantorno). "Mi sono lamentato in quanto cittadino - ha tenuto a precisare Iantorno - non certo in quanto assessore. Purtroppo devo ammettere che davvero certe volte alcuni di loro sono intollerabili, vuoi per il volume altissimo che producono, vuoi perché vanno avanti ore, magari con lo stesso repertorio musicale ristretto. Il passante li trova gradevoli e folcloristici ma residenti e lavoratori che devono fare i conti con ore e ore di queste litanie a volte hanno ragione a lamentarsi". Quella di Iantorno, però, non è un'accusa a 360 gradi: "Ci sono suonatori bravissimi e intelligenti che si esibiscono senza esagerare e che si trattengono in uno stesso posto per poche decine di minuti. Del resto hanno diritto anche loro, nel rispetto delle norme, a svolgere questa attività. Siamo una città turistica, ma questo non significa che si può eccedere e diventare intollerabili". L'appello di Iantorno ai musicanti di strada, dunque, è che "imparino a rispettare i limiti della tollerabilità e non stanzino per troppe ore nello stesso punto, altrimenti lavoratori e residenti hanno ragione ad arrabbiarsi".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Suonatori di strada, anche l'assessore si lamenta: "A volte sono intollerabili"

QuiComo è in caricamento