Stazione dormitorio, la Caritas sferza le istituzioni: "A Como profughi di serie A e di serie B"

Forse come nessun altro media locale ci siamo occupati dalla vicenda dei profughi che da mesi ormai dormono ogni notte per terra, nell'atrio della stazione San Giovanni. Una vicenda approdata più volte anche in consiglio comunale e...

roberto-bernasconi-24feb16

Forse come nessun altro media locale ci siamo occupati dalla vicenda dei profughi che da mesi ormai dormono ogni notte per terra, nell'atrio della stazione San Giovanni. Una vicenda approdata più volte anche in consiglio comunale e stigmatizzata da altre prese di posizione pubbliche ma finora rimasta esattamente tale e quale. Ora - anzi, per la verità con un documento dell'11 febbraio scorso - sulla questione interviene pesantemente il direttore della Caritas Diocesana, Roberto Bernasconi. Il quale, come nel suo stile, non lesina toni durissimi verso le istituzioni ("Ci sono profughi di serie A e profughi di serie B. Le istituzioni conoscono il problema, ma non intervengono"), verso la burocrazia e verso i diritti civili calpestati. Pubblichiamo integralmente la riflessione di Roberto Bernasconi.

In tutta umiltà, ma con estrema fermezza, desidero esprimere in queste poche righe il mio pensiero in relazione alla situazione delle persone di diversa nazionalità che da alcuni mesi dormono (alcuni usano il termine “bivaccano”, altri il termine “stazionano”… quasi una presa in giro!) nell’androne di fronte alla biglietteria della stazione di San Giovanni a Como, determinando non poche proteste degli stessi utenti e del personale dello scalo comasco. Questa presenza dura da oltre quattro mesi e coinvolge una trentina di persone. Sono in prevalenza pakistani e afghani giunti a Como dopo aver attraversato Iran, Turchia, le “rotte dei Balcani”; altre persone sono di etnia Rom, alcuni anche italiani senza dimora, che rifiutano accoglienza nelle strutture presenti sul territorio. stazione-5dic15-3Sono persone che sono “invisibili”, vivono in una sorta di limbo, dove anche la burocrazia non trova “spazi operativi”. Infatti, se avessimo la voglia di conoscere la storia di questi profughi (penso in particolare ai pakistani), dovremmo farli rientrare di diritto nel progetto denominato “Mare Nostrum” e procedere con l’iter per la richiesta di protezione internazionale. Tuttavia, essendo giunti via terra in modo spontaneo (senza rischiare, insomma, di finire annegati in mare) dalle autorità italiane sono considerati “normali” richiedenti asilo e così non possono essere accolti nelle strutture (parrocchie comprese) che in questi anni ospitano e danno una vita dignitosa ai migranti. Il centro di Prestino - l’unico che potrebbe accoglierli - è sempre pieno. Quindi ecco l’alternativa: la stazione di San Giovanni. La situazione è paradossale sotto tutti i punti di vista. Ci sono profughi di serie A e profughi di serie B. Le istituzioni conoscono il problema, ma non intervengono. A queste persone si cerca di dare una mano (grazie anche all’aiuto di tanti volontari), offrendo cibo, vestiti, coperte, controlli sanitari e così via. Caritas e la rete delle associazioni “private” cittadine sono sul campo tutti i giorni e concretamente cercano di fare ciò che il “pubblico” non fa. Il Palazzo del Governo in via Volta a Como, attuale sede della PrefetturaDel resto, pensare che questi rifugiati spariscano dall’oggi al domani è semplicemente ridicolo. Ciò è il frutto di una mancanza di pensiero e di progettualità a livello europeo e nazionale e uno scollamento tra i poteri politici (Governo, Regioni, Comuni) e i servizi dello Stato a livello locale. Certo, la Prefettura fa il suo “pezzettino” (prende atto, insomma, che sono presenti in stazione e monitora la situazione), la Questura produce il suo pezzo di carta (così queste persone hanno un nome e una provenienza, ma non possono chiedere asilo), il Comune dice che non ci sono attualmente spazi per accoglierli nelle strutture pubbliche.

Di conseguenza, tutti delegano il problema ad altri, cioè a chi sul territorio da anni si assume la responsabilità e il dovere morale di “farsi prossimo” nei confronti di chi fugge dalla guerra, dalla fame, di chi ha perso tutto, di chi è rifiutato dalla società.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Mi si permetta, infine, di raccontare un paradosso nel paradosso. Nelle ultime settimane i funzionari della Polizia ferroviaria tolgono al mattino le coperte usate nella notte dai profughi. Non entro nel merito di questa decisione e delle sue conseguenze. Tuttavia, ricordo che in questo modo è stata messa in discussione l’utilità di un recente “tavolo di lavoro organizzativo”, nato tra tutti i soggetti della città impegnati sul campo, per studiare e coordinare azioni di sostegno e di aiuto. Insomma, un problema nel problema.

Ad oggi, la situazione è in una fase di stallo. L’ennesima. Che fare? Bisogna saper pensare in modo concreto e agire in modo concreto. rissa-stazione-dormitorio-5La civile convivenza è solidarietà, è offrire a ogni persona dignità e la possibilità di avere i propri diritti. Quale società costruiamo negando tutto ciò? Di fronte all’indifferenza e al primato della burocrazia sulla ragione, come possiamo dire che l’Italia è migliore di altri Paesi, dove quotidianamente vengono calpestati i più elementari diritti civili? Roberto Bernasconi, direttore della Caritas diocesana di Como

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Torna l'autocertificazione in Lombardia: con il coprifuoco servirà per circolare dalle 23 alle 5

  • Como, non vuole indossare la mascherina e si ribella ai poliziotti: arrestato in centro storico

  • Autunno, tempo di castagne: ecco dove raccoglierle nei dintorni di Como

  • 3 cose che (forse) non sapete sul Faro di Brunate

  • Sul lago di Como come in America: apre il campo delle zucche

  • Covid, firmata la nuova ordinanza in Lombardia: locali chiusi alle 24, niente visite alle RSA

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
QuiComo è in caricamento