Cronaca

Rivoluzione in centro storico: cambia il trasporto merci

Basta con i furgoni dei corrieri che ingolfano le vie del centro storico. E' stato presentato oggi alla biblioteca di Como il progetto "Merci in cento", una vera e propria rivoluzione. La Como servizi urbani (società partecipata del Comune) il 20...

Basta con i furgoni dei corrieri che ingolfano le vie del centro storico. E' stato presentato oggi alla biblioteca di Como il progetto "Merci in cento", una vera e propria rivoluzione. La Como servizi urbani (società partecipata del Comune) il 20 maggio partirà con il servizio di trasporto merci nella città murata. I corrieri (quelli che aderiranno) anziché entrare in centro andranno a Montano Lucino dove Csu ha istituito un interporto. Lì scaricheranno i loro pacchi che verranno caricati su due mezzi di Cus. "In questo modo - ha spiegato il sindaco Stefano Bruni - non verranno più effettuate tante singole consegne dagli oltre 15 corrieri, ma i pachi saranbno consegnati ai commercianti del centro da soli due mezzi, così da evitare l'intasamento delle vie della città murata, con notevoli benefici sulla viabilità". Soddisfatto anche il presidente di Confcommercio Como, Giansilvio Primavesi: "E' un vantaggio per tutti, per residenti, commercianti, ma anche turisti". Il progetto partirà con due soli mezzi, ma nel giro di 3 anni il Comune conta che vada a regime con 6 mezzi che, si spera, potranno sostituire tutti i mezzi dei corrieri privati. I furgoni di Csu sono bimodali (alimentazione a gasolio ed elettrica). Fuori dalla città murata andranno con il diesel, ma una volta dentro le mura attiveranno la trazione a energia elettrica così da non inquinare. Attualmente ogni giorno vengono effettuate ben 350 consegne di merci non deperibili. "L'obbiettivo - ha aggiunto Montini, presidente di Csu - è che il nsotro nuovo servizio entro 3 anni assorba tutte queste consegne".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rivoluzione in centro storico: cambia il trasporto merci

QuiComo è in caricamento