Non pagano il biglietto e aggrediscono i carabinieri: richiedenti asilo arrestati in stazione a Inverigo

Due giovani di 24 e 25 anni accusati anche di interruzione di pubblico servizio

Serata molto movimentata alla stazione di via della Vittoria a Inverigo: due giovani richiedenti asilo di 24 e 25 anni, entrambi nigeriani, sono stati arrestati dai carabinieri della compagnia di Cantù. I militari sono intervenuti intorno alle ore 19 a seguito della richiesta di aiuto da parte della polizia locale di Inverigo. I vigili, infatti, erano da poco intervenuti allertati dal capotreno del convoglio Milano-Asso poiché i due migranti si erano rifiutati di pagare il biglietto e non avevano voluto fornire le proprie generalità agli agenti di polizia locale, anzi, li avevano minacciati e spintonati. 

I due nigeriani, che sono risultati poi essere ospiti del centro di accoglienza della cooperativa Versoprobo (che si trova a Tornaco, in provincia di Novara), hanno avuto il medesimo atteggiamento violento e minaccioso nei confronti dei carabinieri, arrivando addirittura a spintonare i militari pur di non fornire i documenti e le loro generalità.

I carabinieri non hanno potuto fare altro che immobilizzare i due migranti e ammanetterali. Dopo averli arrestati li hanno denunciati con l'accusa di violenza e minacce a pubblico ufficiale oltre che per interruzione di pubblico servizio, visto che il treno su cui viaggiavano è stato soprresso a causa della lunga sosta forzata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, continuano a salire i contagi: in Lombardia sono 212

  • Fobia coronavirus, a Mariano Comense prendono a sassate un anziano cinese: interviene Dj Francesco

  • Coronavirus, ancora in prognosi riservata il paziente trasferito al Sant'Anna dal Lodigiano

  • Coronavirus, tre famiglie isolate nel comasco: misura precauzionale

  • Coronavirus, scuole chiuse e vietate le visite ai parenti in ospedale

  • Coronavirus, proposta shock in Ticino: chiudere accesso ai frontalieri

Torna su
QuiComo è in caricamento