Cronaca

Incastrato dal DNA dopo 10 anni: comasco denunciato per violenza sessuale

Il 41enne è stato rintracciato grazie a materiale biologico prelevato dai carabinieri all'epoca dei fatti

foto di repertorio

Un episodio di violenza avvenuto ben 10 anni fa e che, probabilmente, se la scienza non avesse fatto progressi nel campo della genetica e dello studio del DNA, sarebbe rimasto impunito. Vittima di questa storia una prostituta che nel 2010 era stata aggredita, violentata e rapinata lungo la strada Paullese, all'altezza di Pandino. Secondo le ricostruzioni di dieci anni fa, la donna era stata costretta a salire sull'auto da un malintenzionato e a subire violenza per essere poi picchiata e scaricata nuovamente in strada. 

I carabinieri, all'epoca, riuscirono a prelevare dai vestiti della vittima una certa quantità di materiale biologico che solo in questi giorni, gli specialisti dei Ris di Parma sono riusciti a ricondurre all'uomo di 41 anni, di origine albanese, ma residente nella Provincia di Como, con precedenti. Scattata immediatamente la denuncia nei confronti del presunto aggressore. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incastrato dal DNA dopo 10 anni: comasco denunciato per violenza sessuale

QuiComo è in caricamento