Giovedì, 13 Maggio 2021
Cronaca

Punto cottura pasticcio enorme. Ma Lucini non può essere sempre l'ombrello per gli errori altrui

EDITORIALE - Bisogna dirlo chiaramente: quello del centro di cottura unico è un pasticcio imperdonabile e un fallimento (almeno temporaneo e specifico) pesante che va ascritto  alla giunta di Como. Non è veramente possibile imporre a decine e...

tari-uffici-29set15-1

Se si potesse sempre scaricare ogni responsabilità sui tecnici, sui funzionari e sui dirigenti addossando loro ogni responsabilità sempre e comunque, allora non servirebbe andare a votare. Si potrebbe comodamente rinunciare ad eleggere rappresentanti dei cittadini che poi o assumono direttamente incarichi nell'esecutivo o comunque, indirettamente e tramite le scelte del sindaco, vengono chiamati dall'esterno a farlo (altro grande tema di questa giunta, l'essere infarcita di assessori alieni dalla prova elettorale e dunque da qualsivoglia legame fiduciario e diretto con la popolazione). In sostanza, si potrebbe abiurare alla politica, cioè alla visione peculiare e particolare che una squadra (la giunta) e il suo capitano (il sindaco) - assieme al pubblico (il consiglio comunale) - devono infondere nelle scelte di governo.

palazzo-cernezzi-2Quindi, delle due l'una: o prendiamo per buona la tesi strisciante e propalata in più occasioni anche da alcuni assessori che questa amministrazione (dalle paratie ai lavori stradali, dalle questioni tributarie al centro cottura) è sostanzialmente guidata unicamente dal potere dei dirigenti, dalle loro scelte, dalle loro specifiche visioni, delle loro capacità più o meno elevate, ma allora il giudizio sull'utilità e l'incisività di questo esecutivo sarebbe necessariamente devastante; oppure usciamo da questa visione certamente non del tutto irrealistica ma probabilmente eccessiva, falsante la realtà e in taluni casi fors'anche di comodo, e assegniamo a sindaco e assessori il ruolo che devono avere - cioè decisori e artefici principali dell'attività comunale - distribuendo loro contemporaneamente, in un'ottica ovviamente collegiale ma poi calando i fatti sui singoli nomi e cognomi, meriti, responsabilità e colpe nelle singole vicende.

Ebbene, qui si propende assolutamente per la seconda tesi. E questo significa, tornando al flop del punto cottura, che non può essere sempre e solo il sindaco di Como, Mario Lucini, a dover per forza pagare per tutti, a dover mettere la faccia per tutti, a prendere per tutti gli schiaffi dell'opposizione, i "vaffa" dei cittadini e i sermoni giornalistici come questo. Certo, il sindaco - soprattutto questo sindaco - ha voluto più di altri mantenere mano libera nella formazione della sua squadra e l'ha ottenuto. Dunque, anche se di rimando, la responsabilità (nel bene e nel male) di chi oggi è nei posti di comando di Palazzo Cernezzi fa comunque capo a lui. Però Lucini è un primo cittadino, non una balia o una tata (pur se anch'egli, a volte, tende a immedesimarsi troppo in quei ruoli).

magni-picchi-1Ciò significa che se un assessore (tra l'altro vicesindaco) ha la delega alle Politiche scolastiche e porta in giunta l'accelerazione sul punto di cottura, allora lei - Silvia Magni - ieri sarebbe dovuta essere in Comune a spiegare lo stop, mettendoci volto e parole. Così come se un assessore ha la delega alle Opere pubbliche e a lei fa capo il dirigente che ha realizzato la stima sbagliata sui costi, sarebbe dovuta essere lei (Daniela Gerosa) a motivare le ragioni di un simile errore. E infine, anche la presenza dell'assessore che ha in mano le redini del Personale - ossia Savina Marelli - non sarebbe certamente stata inutile. Come sarebbe stato utile poter interloquire con i tecnici che per due mesi hanno preso parte con ruoli importanti alle serate pubbliche sul tema.

lucini-mensa-30nov15-2Invece no, esattamente come quando c'erano le mamme inferocite in consiglio comunale, è stato il sindaco a dover sbrogliare la matassa, ad affrontare a viso aperto mamme e papà nelle sale attigue a quella principale, a spiegare e prendersi ogni responsabilità. Così come in aula, durante il dibattito, è stato sempre e solo Lucini a garantire che giunta e maggioranza non venissero travolte da dubbi, incertezze, passi falsi e proteste. Insomma, un sindaco-ombrello - non solo su questa vicenda - che però, per concludere, così non fa del bene a nessuno. A sé stesso, autoriducendosi (non di rado ingiustamente) sempre più a unico parafulmine per ogni tema e danneggiando (almeno fino a che i risultati complessivi non saranno migliori) l'immagine spendibile per l'eventuale bis nel 2017; e poi alla sua giunta, a cui viene tolta via via ogni autorevolezza e ogni capacità di rappresentare attraverso i singoli componenti altrettanti spicchi effettivi di responsabilità e autonomia decisionale, con annessa credibilità, soprattutto nei momenti difficili (che sono sempre quelli che fanno la differenza tra un politico di razza e un taglianastri).

Manca una manciata di settimane alle elezioni 2017. Al netto della certezza che saranno le paratie a dire una parola definitiva su questo mandato, da quanto accaduto ieri il centrosinistra comasco - dentro e fuori il Palazzo - avrebbe moltissimo su cui riflettere. Non sarebbe male iniziare subito, visto come passa il tempo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Punto cottura pasticcio enorme. Ma Lucini non può essere sempre l'ombrello per gli errori altrui

QuiComo è in caricamento