menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
spaccio droga

spaccio droga

Sorpreso con cocaina e un macete nei boschi della statale: fermato un 27enne

L'uomo di origine marocchina non potrà tornare in provincia di Lecco dove è stato fermato ma in quella di Como (confinante con Nibionno) sì

Un uomo di origine marocchina di 27 anni, A.K., è stato fermato nella serata dell'8 dicembre a ridosso della statale 36, nel comune di Nbionno in località Cimarosa, provincia di Lecco. Qui il giovane è stato trovato con dosi già pronte per la vendita di cocaina, 26 grammi per la precisione. 
Sul posto, inoltre, all’interno dell’area boschiva è stato rinvenuto un giaciglio di fortuna e un machete con lama di 35 centimetri, quest’ultimo sottoposto a sequestro. L'intervento è stato portato avanti dai  Carabinieri del Nucleo Operativo Radio Mobile (Norm) della Compagnia di Merate 

Nibionno è un comune che confina con due località comasche: Inverigo e Lambrugo e con Veduggio con Colzano (Monza e Brianza): è, in pratica, nel crocevia tra le province di Lecco, Como e Monza e Brianza. 

Nella mattinata di mercoledì 8 dicembre l’arrestato è stato condotto presso il Tribunale di Lecco per il giudizio con rito direttissimo. Al termine del procedimento, come riportato anche su Lecco Today, il Giudice, nel convalidare l'arresto, ha sottoposto A.K. alla misura cautelare del divieto di dimora nei comuni della provincia di Lecco.

    Un provvedimento che lascia qualche riflessione aperta, considerando che  il 27enne operava a cavallo tra le tre province, in boschi adiacenti e sconfinanti nel Comasco, dove potrà tornare, purchè non sconfini nella provincia di Lecco. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Nuovo Decreto Draghi, prevale la linea dura fino al 31 luglio: le regole

Coronavirus

Arriva il passaporto vaccinale europeo, ecco come funziona

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

QuiComo è in caricamento