Picchiato e rapinato a pochi metri dalla dogana: arrestato l'aggressore

Picchiato e derubato dei soldi e della macchina fotografica. La vittima è un cittadino svizzero di 44 anni. Sabato notte l'uomo era andato in una birreria di Ponte Chiasso a Como. All'uscita è stato seguito da un extracomunitario di cittadinanza...

Mentre qui tiriamo la cinghia, un Comune ticinese concede 500 franchi a tutti

Picchiato e derubato dei soldi e della macchina fotografica. La vittima è un cittadino svizzero di 44 anni. Sabato notte l'uomo era andato in una birreria di Ponte Chiasso a Como. All'uscita è stato seguito da un extracomunitario di cittadinanza tunisina. Lo straniero lo ha raggiunto in via Catenazzi e lo ha aggredito a suon di botte per rapinarlo. Il tunisino si è fatto consegnare i soldi, il telefono cellulare e la macchina fotografica che lo svizzero aveva con sé e si è immediatamente allontanato. La vittima, nonostante le botte e le ferite, si è recata agli uffici della polizia di frontiera per segnalare l'aggressione e la rapina subite. Gli agenti si sono messi subito sulle tracce dell'aggressore. Grazie ad alcune testimonianze e alle immagini di alcune videocamere di sorveglianza i poliziotti sono riusciti a rintracciare il tunisino e ad arrestarlo. Si tratta di un 27enne già precedentemente arrestato per reati legati al traffico di stupefacenti. Da tempo il tunisino gravitava nella zona di Ponte Chiasso. E' stato arrestato e portato al carcere Bassone in attesa del processo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo dpcm firmato: il calendario delle regole dal 18 gennaio al 5 marzo

  • Nuove restrizioni dal 16 gennaio al 5 marzo, ora si decide se la Lombardia parte arancione o rossa

  • Como, Alberto apre il suo bar in centro: arriva il controllo della polizia locale

  • Con la Lombardia in zona rossa addio scuola in presenza

  • Chiara Ferragni, nuovo post nostalgico sul lago di Como: "Spero di comprare lì una casa vacanze"

  • Lombardia e Como in zona rossa dal 17 al 31 gennaio: cosa si può fare e cosa no

Torna su
QuiComo è in caricamento