Giovedì, 16 Settembre 2021
Cronaca

Piano del traffico, Favara (Pd): "Gerosa e Lucini vogliono la guerra. Sfiducia se arriva in aula"

Difficile pensare che l'assessore alla Mobilità in assoluto non se l'aspettasse, visto che proporre a 11 mesi dalle elezioni comunali un nuovo Piano del traffico che stravolge completamente la viabilità di Como rappresenta politicamente un inedito...

dav-386

davDifficile pensare che l'assessore alla Mobilità in assoluto non se l'aspettasse, visto che proporre a 11 mesi dalle elezioni comunali un nuovo Piano del traffico che stravolge completamente la viabilità di Como rappresenta politicamente un inedito (e un azzardo) assoluto. Ma per togliere ogni dubbio, il consigliere comunale Gioacchino Favara (Pd), poche ore dopo la diffusione della documentazione, avvisa Daniela Gerosa che il cammino per l'approvazione del nuovo Piano del traffico potrebbe essere tutt'altro che una scampagnata. Anzi, almeno nelle parole dell'esponente Pd - da tempo su posizioni fortemente critiche contro sindaco e Gerosa - si delinea quasi un potenziale calvario. Pare, anche perché nelle consultazioni informali tra diversi consiglieri della stessa maggioranza di centrosinistra i dubbi e le perplessità su una proposta così radicale da sperimentare in piena campagna elettorale sarebbero ampi e diffusi. Ma torniamo a Favara.

gioacchino-favara"Questo non è un Piano del traffico - sbotta - questa è chiaramente una dichiarazione di guerra al consiglio comunale e direi una sfida aperta alla città oltre che proprio alla maggioranza che pure vive già un momento molto difficile come dimostrano le vicende di Acsm Agam o il recente addio di Eva Cariboni. Ieri sera ho vissuto direttamente lo sgomento di alcuni commercianti per la portata dei cambiamenti che si vorrebbero applicare entro pochi mesi e con l'estate di mezzo. Ho subito detto loro che io sono con loro, in trincea. Questa giunta va fermata, lo dico da tempo. Ora Gerosa ha dato il via al tutti contro tutti, ma capisco anche il perché". L'analisi politica è durissima.

elezioni-comunali-2014"L'assessore alla Mobilità trascina la maggioranza in un percorso di guerra, esponendola all'improvviso ad altri scossoni perché tanto lei non ha nulla da perdere - afferma Favara - Non è mai stata eletta, non ha mai preso un voto, non rischia di perdere un voto. E con questa sorta di immunità scarica sul consiglio comunale, dopo la Ztl e altre operazioni malriuscite, il peso di Piano del traffico che rivoluziona la viabilità in un mare di incognite. E' vero che c'è un gruppo di consiglieri di maggioranza che ha votato, vota e voterà qualsiasi cosa arrivi dalla giunta a scatola chiusa, ma questo metodo non è accettabile e come minimo una qualsiasi persona di buonsenso non avrebbe fatto una cosa dal genere negli ultimi mesi di mandato".

Lucini-31dic15Ecco, dunque, il contro-piano del consigliere Pd. "Prima di tutto quel piano non deve nemmeno arrivare in consiglio - dice Favara - E se accadesse, proporrò immediatamente la mozione di sfiducia al sindaco Mario Lucini che alla fine permette che accadano cose del genere. E poi io dico: un programma così impegnativo, destinato eventualmente a stravolgere la viabilità cittadina, non può essere trattato come una delibera qualsiasi da un assessore mai eletto. Allora si porti quel documento in campagna elettorale, lo si presenti nell'ambito di un dibattito politico in cui ci si rivolge ai cittadini, lo si metta come elemento dirimente di un programma. Se i cittadini voteranno chi propone quel piano, Gerosa o chi per essa sarà pienamente legittimata a realizzarlo, altrimenti venga ritirato. La cittadinanza comunque va coinvolta, altrimenti mi domando per esempio cosa continuiamo a fare assemblee di zona nei quartieri, a che servono se non vengono interpellate su materie del genere? Oppure si abbia il coraggio di un referendum ad hoc, ma non si tenti ancora la prova di forza sulla pelle del consiglio comunale perché quella non passerà".

Dal canto suo, ieri l'assessore Gerosa aveva invece già delineato il percorso: "Tra maggio e giugno gli uffici dovranno lavorare per predisporre un'ipotesi di aggiornamento. I restanti mesi serviranno per affinare il progetto e predisporre l'apposita delibera da portare in consiglio. Il tempo per il confronto e l'ascolto è già avviato e mi auguro che questa opportunità verrà colta".

Inizia così - all'interno della stessa coalizione di governo - un dibattito che si annuncia tra i più caldi degli ultimi anni. Qui alcune tra le proposte contenute nel documento: 1) l'eliminazione di una corsia per le auto sul lungolago, destinato a chiusure al traffico in giornate festive o periodi turistici; 2) l'abolizione del girone, con il ripristino del doppio senso sui viali Lecco, Battisti e Cattaneo oltre all'inserimento di via Milano nella Ztl; 3) l'annuncio che nessun nuovo posteggio per auto e moto sarà realizzato in convalle perché attirerebbero soltanto più traffico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piano del traffico, Favara (Pd): "Gerosa e Lucini vogliono la guerra. Sfiducia se arriva in aula"

QuiComo è in caricamento