rotate-mobile
Martedì, 23 Aprile 2024
Cronaca

Lago di Como, occupazioni abusive concessioni non pagate

Vasta operazione della Guardia di Finanza nel bacino del comune di Como

I militari della Guardia di Finanza di Como, nell’ambito di un’attività di polizia economico-finanziaria, hanno l'occupazione abusiva di aree demaniale per circa 243 metri quadrati sulle rive del Lario nel Comune di Como. Nello specifico, le Fiamme Gialle della Stazione Navale Lago di Como hanno rilevato che l’accesso all’area pubblica oggetto del controllo era stato inibito mediante la costruzione di opere murarie e, di fatto, tale area era stata annessa alla proprietà privata confinante, in assenza di concessioni in vigore. L’attività ha consentito di portare alla luce canoni concessori evasi, quantificati in oltre 64mila euro, nelle annualità che vanno dal 2014 al 2024. Sono state inoltre applicate conseguenti sanzioni amministrative per oltre 50mila euro.

Va rilevato che le somme relative ai canoni evasi, se incamerate, avrebbero permesso all’Ente destinatario di offrire servizi migliori alla collettività. L’operazione, svolta mediante l’utilizzo dei poteri attribuiti alla Guardia di Finanza per la “prevenzione, ricerca e repressione delle violazioni in materia di Demanio e patrimonio dello Stato”, testimonia la trasversalità dell’azione dei Reparti Navali lombardi del Corpo sul demanio lacuale, chiamati a svolgere l’importante ruolo di “Polizia dei Laghi” a favore della collettività.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lago di Como, occupazioni abusive concessioni non pagate

QuiComo è in caricamento