Cronaca

"Italiana di m..., ti prendo a calci". Insultata dall'ausliario della sosta a Lugano

 "Italiana di m..., ti prendo a calci nel sedere, ti rispedisco nel tuo Paese gettandoti nel lago, italiana di m...". E' quanto si sarebbe sentita dire da un ausiliario della sosta una donna italiana ma domiciliata a Lugano da molti anni. la...

polizia-cantonale-1

"Italiana di m..., ti prendo a calci nel sedere, ti rispedisco nel tuo Paese gettandoti nel lago, italiana di m...". E' quanto si sarebbe sentita dire da un ausiliario della sosta una donna italiana ma domiciliata a Lugano da molti anni. la notizia è stata riportata dal sito elvetico TicinoNews. l'episodio sarebbe accaduto questa mattina. Gli insulti, ovviamente, appartengono al resoconto fatto dalla donna mentre l'agente (gli ausiliari della sosta vengono chiamati Prosegur dai ticinesi) ha dato una differente versione dei fatti alla polizia cantonale intervenuta su segnalazione proprio della donna. ma vediamo come si sarebbero svolti i fatti.

La donna è tornata alla sua macchina parcheggiata in zona blu e ha trovato una multa sul parabrezza. Lì vicino c'era ancora l'ausiliario della sosta al quale la donna ha rivolto un sorriso sarcastico. l'uomo si è stizzito e adirato. Avrebbe dato, dunque, in escandescenze iniziando a proferire insulti alla donna davanti anche ai passanti. La signora, spaventata, si è rintanata nell'abitacolo della macchina e ha chiuso le sicure. ha preso il telefonino e ha chiamato la polizia. Il Prosegur si è allontanato. La pattuglia di polizia lo ha rintracciato pochi metri più in là e gli ha chiesto la sua versione dei fatti che, come detto, non coincide con quello della donna.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Italiana di m..., ti prendo a calci". Insultata dall'ausliario della sosta a Lugano

QuiComo è in caricamento