Cronaca

Il centrosinistra: "Con Lucini per Villa Olmo e Piano del traffico". E Paco Sel torna alleata

Senza una parola sullo stallo del cantiere per la paratie - e con Paco Sel che, dopo aver annunciato di boicottare il coordinamento politico del centrosinistra per le divisioni con Pd e Como Civica, non ha mancato una sola riunione dello stesso...

dav-485

Senza una parola sullo stallo del cantiere per la paratie - e con Paco Sel che, dopo aver annunciato di boicottare il coordinamento politico del centrosinistra per le divisioni con Pd e Como Civica, non ha mancato una sola riunione dello stesso (qui cosa diceva la sinistra solo 10 giorni fa) - le forze politiche che sostengono la giunta Lucini hanno diffuso un comunicato nel quale vengono "rivelati" un paio di punti dell'accordo in fase di gestazione per arrivare a fine mandato. Si tratta, nel dettaglio, di "Villa Olmo e del Piano Generale del Traffico Urbano, al centro dei recenti incontri".

Marco-Tettamanti"In un clima sereno e improntato alla collaborazione - si legge nella nota ufficiale diffusa per tutti dal capogruppo di Como Civica, Marco Tettamanti - l'incontro di ieri, mercoledì 6 luglio, si é focalizzato sui lavori di riqualificazione di Villa Olmo e sulle future modalità di gestione di questa importante risorsa della nostra città. Pieno accordo su tre punti qualificanti: il Comune, e quindi l'intera città, debbono mantenere un ruolo di indirizzo e controllo su Villa Olmo e il suo utilizzo; deve essere assicurata la fruibilità del parco a tutti i cittadini; la gestione di Villa Olmo dovrà avvenire con modalità e criteri che garantiscano l'auto-sostentamento del complesso". Resta però tuttora un mistero quale sia il piano finanziario che dovrà garantire l'equilibrio dei conti una volta finiti i cantieri e aperto anche l'orto botanico.

traffico-posteggi-2mag15-3"Anche l'esame delle proposte inserite negli atti attualmente all'esame della VAS per il Piano Generale del Traffico Urbano ha visto una forte condivisione di intenti - prosegue il comunicato - In particolare per quanto concerne l'importanza che l'adozione del PGTU riveste per Como, essendo uno strumento indispensabile per migliorare vivibilità, fruibilità e sicurezza della nostra città, da troppo tempo ferma ad un Piano datato (adottato nel lontano 2001) e inadeguato alla nuova domanda di mobilità e di qualità della vita; la necessità che il percorso di confronto con la cittadinanza sul Piano sia ampio e partecipativo, anche mediante il coinvolgimento delle assemblee di zona e l'attivazione di focus tematici; l'attivazione di tutti i passaggi necessari a permettere l'adozione del Piano entro la prossima primavera. Il confronto politico tra le forze di maggioranza sui principali temi amministrativi proseguirà nei prossimi giorni".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il centrosinistra: "Con Lucini per Villa Olmo e Piano del traffico". E Paco Sel torna alleata

QuiComo è in caricamento