Violenza sessuale su un’operatrice della Croce Rossa al campo profughi di Como: espulso

Ha scontato 2 anni di carcere, ma per la Questura rimane la "pericolosità sociale"

Migranti all'ex campo profughi di Como

Era stato condannato a due anni di carcere per violenza sessuale commessa nel 2017 su un'operatrice della Croce Rossa all'ex campo profughi di via Regina Teodolinda di Como (centro chiuso definitivamente dall'autunno 2018): ora, scontata la pena, verrà espulso.
Protagonista della vicenda, come informa una nota della Questura, un "sedicente cittadino libico, M.A., che è stato accompagnato presso il Centro di permanenza per il rimpatrio di Brindisi. A suo carico risultano precedenti di polizia per danneggiamento, lesioni personali, violenza privata e furto aggravato.
I suoi precedenti di polizia e giudiziari e non da ultimo la violenza commessa nel 2017 costituiscono, secondo la Questura lariana, "elementi incontrovertibili per connotare la pericolosità del soggetto per cui si è proceduto all’espulsione per pericolosità sociale con trattenimento presso il CPR per il successivo trasferimento nel paese di origine".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pasqua blindata, restrizioni almeno fino al 13 aprile

  • Turismo sul Lago di Como, si prospetta una tragedia economica

  • Bonus spesa e cibo: gli aiuti del governo in provincia di Como arriveranno attraverso i servizi sociali

  • Lomazzo, ragazza di 28 anni tenta il suicidio buttandosi dal secondo piano

  • Lutto nella polizia penitenziaria: si toglie la vita un assistente capo di Como

  • Isolamento estremo: a Fino Mornasco dal 22 febbraio una famiglia con 2 bimbe non esce di casa

Torna su
QuiComo è in caricamento