Cronaca

Documenti falsi per varcare il confine: due fermati

Si susseguono i tentativi di espatriare dall'Italia alla Svizzera utilizzando documenti falsi. Anche ieri la polizia di frontiera della questura di Como ha fermato due persone. Il primo è un ragazzo di 17 anni che è incappato nei controlli della...

Valico doganale Como-Brogeda

Si susseguono i tentativi di espatriare dall'Italia alla Svizzera utilizzando documenti falsi. Anche ieri la polizia di frontiera della questura di Como ha fermato due persone. Il primo è un ragazzo di 17 anni che è incappato nei controlli della polizia mentre a bordo di un pullman stava cercando di oltrepassare il valico di Como Brogeda. Il giovane ha esibito agli agenti una carta d'identità, poi risultata falsa, apparentemente rilasciata dal Comune di Como e intestata a un cittadino italiano di 21 anni nato in Pakistan. In realtà a seguito di approfonditi controlli il giovane è risultato avere 17 anni ed essere un cittadino siriano fuggito da un centro per minori di Udine al quale era stato assegnato dopo essere stato fermato mentre entrava in Italia dalla Slovenia.

Un secondo tentativo di espatrio con documenti falsi è stato bloccato poco dopo. Un uomo di presunta nazionalità ghanese ha esibito ai poliziotti di frontiera una carta d'identità rilasciata dal Comune di Roma, un permesso di soggiorno e un titolo di viaggio per stranieri apparentemente forniti dalla Questura di Roma. Tutti i documenti sono risultati falsi. L'uomo, in realtà, era un nigeriano di 35 anni. Entrambi sono stati denunciati per possesso di documenti falsi. Per loro sono state avviate le procedure di espulsione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Documenti falsi per varcare il confine: due fermati

QuiComo è in caricamento