menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nel 2020 netto calo dei reati a Como e provincia. Quanto incidono il lockdown e l'emergenza covid?

In aumento però le truffe informatiche

L'esame dei dati riguardanti i reati consumati e denunciati nel quadrimestre luglio/ottobre del 2020 continua a far registrare un incoraggiante e visibile calo anche in riferimento ai furti. È la Questura di Como a inviare una significativa fotografia sulla criminalità nella nostra provincia.
Il periodo preso in esame non è stato caratterizzato da particolari limitazioni alla circolazione delle persone, ma al contrario dalla forte voglia di viaggiare e svolgere le ordinarie attività quotidiane. Il calo dei reati pertanto, secondo la Questura, è frutto del grande impegno della Polizia di Stato e di tutte le altre Forze di polizia e delle Polizie Locali, tutte chiamate anche durante il periodo estivo ad assicurare ai residenti e ai turisti la massima sicurezza e serenità.
 

I  numeri dei primi 10 mesi del 2020
 

In particolare nei primi dieci mesi del 2020 sono stati emessi già 151 fogli di via obbligatori contro i 117 dell’intero 2019 ( + 29%); 169 avvisi orali contro i 97 dell’intero 2019 (+74%). Mentre sul fronte del contrasto all’immigrazione clandestina sono stati già emessi 447 provvedimenti di espulsione e 91 ordini del Questore su precedente espulsione.

Venendo ai dati si rileva che i reati in genere sono passati, sempre nel quadrimestre in esame, da 5.463 a 4.377 ( - 1086 e cioè -20%), il calo ancora più evidente nel mese di ottobre appena trascorso visto che i reati sono passati da 1.542 a 985 ( - 557 pari ad un – 37%).
Esaminando poi i dati  sui soli furti si rileva che del quadrimestre in esame sono stati 2.240 nel 2019, mentre nell’analogo periodo del 2020 sono stati 1.545 (- 645 pari a un – 32%).

Riguardo i furti in abitazione ( che comprendono anche le truffe agli anziani) si è passati dai 614 del quadrimestre del 2019 ai 304 del 2020 con un evidente calo superiore al 50%.

I dati delle singole città del Comasco

Ancora più vistosi i cali nelle singole realtà: a Como i furti in abitazione sono passati, nel quadrimestre in esame, dagli 81 del 2019 ai 38 del 2020; a Cantù, secondo centro più abitato, sono scesi da 30 a 15 (un netto 50%); a Erba da 17 a 10; a Mariano Comense da 39 a 27; a Cermenate da 22 a 3; a Olgiate Comasco da 14 a 3; a Fino Mornasco da 21 a 4; a Cabiate da 21 a 7, e così via sempre nel periodo di quattro mesi e raffrontando il 2019 con il 2020.

Una curiosità: i comuni con zero furti in abitazione salgono dai 76 del 2019 ( sempre analogo quadrimestre) agli 82 nel 2020.
In calo netto anche i reati connessi agli stupefacenti che passano da 100 a 58.
In leggerissimo aumento le truffe informatiche che passano da 426 a 471.

L’impegno finora assicurato per garantire la sicurezza dei cittadino di questa provincia continuerà senza sosta anche nei mesi avvenire.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Lombardia in zona gialla (rafforzata) dal 26 aprile: cosa riapre

Ultime di Oggi
  • social

    Fare il vino a Como, un sogno che diventa realtà

  • Coronavirus

    Per Como ultima settimana in zona arancione?

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

QuiComo è in caricamento