Sabato, 16 Ottobre 2021
Cronaca

Crollo all'asilo Garibaldi di via Briantea, gli assessori si scusano

la scuola dell'infanzia di via Briantea è stata chiusa per sicurezza, dopo che questa mattina si è verificato il crollo di una porzione di pavimentazione del giardino che è sprofondata in una vasca biologica. nella voragine è caduta una bidella...

la scuola dell'infanzia di via Briantea è stata chiusa per sicurezza, dopo che questa mattina si è verificato il crollo di una porzione di pavimentazione del giardino che è sprofondata in una vasca biologica. nella voragine è caduta una bidella che però è uscita illesa. Un fatto preoccupante, che non dovrebbe però compromettere la ripresa dell'attività dell'asilo.

Il Comune rassicura - L'ufficio stampa di Palazzo Cernezzi ha fatto sapere che la parte di suolo "lesionata non ha interazioni con la struttura portante dell'edificio, pertanto i tecnici escludono che la statica e l'utilizzo dello stabile possano ritenersi compromessi. La scuola non corre, dunque, alcun pericolo e verrà riaperta già domani mattina. Poiché l'area interessata dai lavori è in una posizione laterale, che non interferisce, come detto, con i percorsi di ingresso ed uscita degli utenti e con gli spazi ricreativi, sarà possibile procedere con l'esecuzione dei lavori contemporaneamente allo svolgimento delle attività didattiche. Saranno, comunque, attuate tutte le misure necessarie per garantire, nel rispetto della normativa".

Le scuse degli assessori - L'assessore alle Politiche educative del Comune di Como, Anna Veronelli, e l'assessore all'Edilizia pubblica, Francesco Scopelliti, hanno scritto una lettera ai genitori dei bimbi che frequentano l'asilo di via Briantea per scusarsi e fornire dettagli sulla situazione: "Carissimi, riteniamo doveroso aggiornarvi su quanto successo ieri mattina nel cortile della scuola frequentata dai vostri figli, non solo per scusarci del disagio dovuto alla chiusura del plesso ma anche per tranquillizzarvi.

La chiusura della scuola è stata disposta precauzionalmente dopo il sopralluogo dei Vigili del Fuoco e della Questura a seguito del cedimento di una vecchia volta in mattoni soprastante una vecchia vasca per la raccolta delle acque nere (fossa biologica), cedimento nel quale è rimasta coinvolta una collaboratrice scolastica. L'area in questione si trova sul lato sinistro dell'edificio, in fronte alla via San Martino ed è un'area chiusa da un cancello, non accessibile, come sapete, a bimbi e genitori che entrano dall'ingresso di via Briantea. Vi può accedere il personale scolastico, entrando appunto da via San Martino. La donna si è accorta di un avvallamento nel terreno e andando a vedere cosa fosse successo è sprofondata in caduta nella buca, apertasi per il cedimento della volta. Per lei, fortunatamente, solo un grande spavento, ma nessuna conseguenza, tanto che non si è reso necessario alcun ricovero ospedaliero e la signora è tornata al lavoro. Come ci informano i tecnici del Settore Edilizia Pubblica: "La volta lesionata non ha interazioni con la struttura portante dell'edificio pertanto è da escludere che la statica e l'utilizzo dello stesso possano ritenersi compromessi". Il Settore Edilizia Pubblica ha immediatamente messo in atto tutte le misure e operazioni necessarie per i ripristini.

Non ci sono dunque problemi di sicurezza per l'accesso alla scuola, che verrà riaperta già oggi, martedì 22 marzo.

Nel rimanere a disposizione per ogni eventuale ulteriore chiarimenti, rinnoviamo le scuse per il disagio e formuliamo i migliori saluti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crollo all'asilo Garibaldi di via Briantea, gli assessori si scusano

QuiComo è in caricamento