menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Como: morta l'anziana aggredita dal marito

L'uomo accudiva da solo la moglie malata: questo forse alla base del raptus violento

È morta questa notte all'ospedale Sant'Anna la donna di Rebbio di 81 anni, che mercoledì scorso, 8 luglio, era stata aggredita nel sonno dal marito 86enne. La donna era malata da tempo e negli ultimi mesi aveva iniziato a soffrire anche di problemi psichici legati all'età.
L'uomo, anche lui anziano, si occupava della moglie da solo e a tempo pieno. Potrebbe essere questo il motivo che l'ha portato ad aggredirla, cercando di strangolarla, salvo poi rinsavire dal raptus appena la donna è svenuta. L'uomo quindi ha subito allertato i soccorsi e all'arrivo dell'ambulanza la moglie era vigile e le sue condizioni apparivano discrete, considerando la situazione. Ma con il passare delle ore la donna si è aggravata fino a spegnersi nella notte.

Ora agli inquirenti il duro lavoro di capire prima di tutto quale sia la causa ultima del decesso, visto che le condizioni di salute dell’81enne erano già molto precarie. E poi indagare anche le motivazioni alla base del gesto del marito, comprendere se si tratti di un caso di “eutanasia domestica”, cioè se l’uomo abbia agito per il dolore e la frustrazione di vedere la compagna di una vita soffrire, oppure se abbia reagito con un raptus all'accumulo di stanchezza maturato negli anni a causa dell’assistenza continua alla consorte.
In ogni caso resta l'amarezza per una coppia di ultra ottantenne con problemi di salute arrivati al punto di non ritorno.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Lombardia, nuova ordinanza: intere province in arancione "scuro"

Coronavirus

Covid: ecco come prosegue il piano vaccinale a Como

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

QuiComo è in caricamento