Cronaca

Guardie zoofile di Como: "Cane rinchiuso in una legnaia, mai visto nulla di simile"

Diana Rigamonti e Debora Masciari (Oipa Como) ci raccontano dell'ultimo loro intervento

Il luogo angusto dove era tenuto il cane

Le guardie zoofile a Como e provincia esistono solo da giugno 2020 ma sono già tanti gli interventi che hanno effettuato per salvare gli animali maltrattati. Sono Diana Rigamonti e Debora Masciari rispettivamente la coordinatrice e la sua vice di Oipa Como Lecco e ci raccontano il caso di questo cane tenuto in una sorta di buco, in condizioni davvero terribili.

«Ci abbiamo messo un po’ di tempo a trovare questa legnaia. La segnalazione è arrivata tempo fa ma non riuscivamo ad individuare il posto dove era tenuto il cane. Finalmente ci siamo riusciti.»

Le guardie di Oipa hanno detto di essersi trovate difronte ad una situazione davvero angusta, dove il cane, un maschio di circa 10 anni, viveva tra i suoi escrementi. Il cane non aveva possibilità di uscire se non gli veniva aperta una sorta di "porta" con lucchetto dal padrone. Hanno contattato le autorità competenti che si stanno occupando del caso insieme a loro. 

Per motivi di rispetto della privacy non possiamo al momento dare altre indicazioni. «Il cane adesso sta bene, il proprietario è stato sanzionato e ora stiamo monitorando la situazione. In questi casi estremi, entrare a gamba tesa può essere deleterio anche per l'animale che comunque è stato ripulito e sarà visitato da un veterinario». 

Oipa Como-2

Ricordiamo che le guardie zoofile di Oipa Como non si occupano solo degli animali così detti d'affezione, ci spiega Diana, ma di tutti: cavalli mucche, tutti! Sono veri e propri pubblici ufficiali e invitiamo pertanto i cittadini di Como e provincia che vedessero maltrattamenti verso gli animali a contattarle via mail su guardiecomo@oipa.org o anche telefonando al 366 5940259.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Guardie zoofile di Como: "Cane rinchiuso in una legnaia, mai visto nulla di simile"

QuiComo è in caricamento