menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
polizia-albate-gen16-2

polizia-albate-gen16-2

Como, decine di furti ad Albate in un mese e mezzo: intensificati i controlli della polizia

Più controlli della polizia in via Acquanera a Como, nel quartiere ad Albate. Un'auto della polizia della Questura di Como oggi ha perlustrato la zona con particolare attenzione a via Acquanera dove sono state controllate alcune auto in...

Più controlli della polizia in via Acquanera a Como, nel quartiere ad Albate. Un'auto della polizia della Questura di Como oggi ha perlustrato la zona con particolare attenzione a via Acquanera dove sono state controllate alcune auto in transito. La perlustrazione del territorio è stata disposta proprio per cercare di contrastare e prevenire il fenomeno dei furti che negli ultimi mesi sono aumentati vertiginosamente ad Albate. la presenza della polizia ha una molteplice funzione: infondere un senso di sicurezza nella cittadinanza, controllare e intercettare eventuali malviventi durante sopralluoghi in cui scelgono le abitazioni da colpire, intervenire tempestivamente in caso di segnalazioni di persone sospette o tentativi di furto.

Ad Albate, come ben sanno i cittadini che risiedono in questo quartiere, la percezione di insicurezza è cresciuta molto. La conseguenza è anche una certa sfiducia nelle forze dell'ordine, come dimostrano alcune iniziative "fai da te" messe in campo dagli abitanti per contrastare la criminalità aiutandosi l'un con l'altro. Il gruppo Facebook denominato Ronde Albate ne è un chiaro esempio. In questa pagina del noto social network non passa giorno in cui non appaiano una o più segnalazioni di episodi di criminalità, come spiega la sua fondatrice, Alessia Rosselli: "Dai primi di dicembre penso che con buona approssimazione si siano verificati circa cento episodi tra furti e tentati furti, più numerose segnalazioni di persone e movimenti sospetti. Il problema è così grave che i cittadini hanno deciso di auto organizzarsi per difendersi da soli. Il grosso beneficio lo abbiamo avuto dal gruppo Whatsapp che ho fondato recentemente e dove appaiono almeno un paio di segnalazioni al giorno".
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

La Lombardia torna in zona arancione da domenica 24 gennaio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

QuiComo è in caricamento