Como, dimessi dall'ospedale l'uomo e la donna intossicati dal forno

Stanno bene l'uomo e la donna che ieri sono rimasti fortemente intossicati dal monossido fuoriuscito da una perdita del forno del loro esercizio commerciale. Lui M. M. di 47 anni, lei A. A. della stessa età: sono i due titolari dell'esercizio...

monossido-feb16-1

Stanno bene l'uomo e la donna che ieri sono rimasti fortemente intossicati dal monossido fuoriuscito da una perdita del forno del loro esercizio commerciale. Lui M. M. di 47 anni, lei A. A. della stessa età: sono i due titolari dell'esercizio commerciale di via Cinque Giornate nel centro storico di Como, denominato Le Golose Imperfezioni. Si tratta di una sorta di pasticceria-panificio. Le loro condizioni sono apparse molto gravi ai soccorritori, specialmente quelle dell'uomo, ricoverato in codice rosso all'ospedale Sant'Anna di San Fermo della battaglia. Entrambi, però, sono stati trasportati al centro di medicina iperbarica a Milano. La camera iperbarica, in effetti, ha sortito i migliori risultati sperabili: questa mattina entrambi sono stati dimessi e sono potuti tornare a casa. Sul forno de oggetto di indagini è però stato apposto ieri un cartello "attrezzatura sottoposta a sequestro giudiziario". l'attività commerciale, dunque, potrebbe subire dei contraccolpi dovuti a quanto accaduto ieri poiché vista la gravità dell'episodio di intossicazione dovrà essere fatta completa chiarezza su cosa sia successo esattamente.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo dpcm firmato: il calendario delle regole dal 18 gennaio al 5 marzo

  • Nuove restrizioni dal 16 gennaio al 5 marzo, ora si decide se la Lombardia parte arancione o rossa

  • Como, Alberto apre il suo bar in centro: arriva il controllo della polizia locale

  • Lombardia e Como in zona arancione da lunedì 11 gennaio: le faq per capire cosa si può fare e cosa no

  • Con la Lombardia in zona rossa addio scuola in presenza

  • Parla Sarah la (ex) fidanzata comasca di Genovese: "Non faccio più uso di droghe"

Torna su
QuiComo è in caricamento