Cantù, ubriaco mostra i genitali: arrestato

Cittadino straniero di 37 anni fermato dagli agenti di polizia locale

Un uomo di 37 anni è stato arrestato a Cantù per avere mostrato i genitali ai clienti di un bar situato tra via Milano a via Matteotti. L'uomo nella mattinata del 18 giugno 2020 era stata prima fermato nelle vie del centro per schiamazzi e atteggiamenti molesti nei confronti dei passanti. Quando gli agenti della polizia locale lo hanno bloccato l'uomo, cittadino di origine liberiana senza fissa dimora, era in evidente stato di ebbrezza. Addosso gli agenti gli hanno trovato anche una modica quantità di marijuana e per questo motivo lo hanno denunciato.

Nel pomeriggio gli agenti del comando di polizia locale sono dovuti intervenire nuovamente, ma questa volta in un pubblico esercizio tra via Milano e via Matteotti dove l'uomo, ancora vistosamente ubriaco, non si è limitato a urlare contro gli avventori del locale ma si è anche infilato una mano nei pantaloni per poi tirare fuori i genitali e mostrarli agli astanti. I vigili sono riusciti apparentemente a calmarlo e a condurlo vicino alle auto di servizio, ma l'uomo con uno scatto ha cercato di divincolarsi e tentato di colpire con testate e pugni gli agenti. Uno di loro è stato colpito a un polso da un calcio.

Questa volta l'uomo, già noto alle forze dell'ordine, è stato arrestato. Il tribunale di Como nella giornata del 19 giugno ha convalidato l'arresto in attesa dell'udienza dibattimentale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Remo Ruffini, presidente di Moncler a Fontana: "Ridateci i milioni donati per la Fiera"

  • Ecco cosa cambia se Como entra in zona arancione

  • Mascherine: i 5 errori da non commettere per evitare il contagio

  • Il Lago di Como, da paradiso dei vip a caso mondiale di covid: un danno incalcolabile

  • Piccole imprese che resistono, la storia di Alessandra :"I miei clienti, la mia forza mi dicevano: non mollare"

  • Deserto Malpensa: le surreali immagini di un viaggio da Como ad Addis Abeba

Torna su
QuiComo è in caricamento