menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
olivia-piro

olivia-piro

Colpo di Stato, sette comaschi bloccati in Burkina Faso

Sono sette i comaschi bloccati dal colpo di stato in Burkina Faso tra cui anche Olivia Molteni Piro, storica anima della cooperazione comasca. I volontari lariani si trovavano in Burkina Faso quando sono scoppiati i violenti scontri. Abbiamo...

Sono sette i comaschi bloccati dal colpo di stato in Burkina Faso tra cui anche Olivia Molteni Piro, storica anima della cooperazione comasca.

I volontari lariani si trovavano in Burkina Faso quando sono scoppiati i violenti scontri. Abbiamo intervistato Anteneh Piro, il figlio di Olivia , che ci ha rassicurati: "Mia mamma e gli altri volontari comaschi stanno bene e per il momento sono nel sud del paese". Olivia Piro è al sicuro in una stanza d'albergo nel sud del Paese, come fa sapere il figlio, insieme al gruppo di volontari comaschi. La donna, madre di sei figli, è una storica attivista comasca: nel 1997 ha fondato l'Ong il Sole di cui è stata presidente e ora fa parte dell'Associazione Kibarè Onlus che opera esclusivamente in Burkina Faso dove negli ultimi vent'anni sono stati promossi numerosi progetti finalizzati al sostegno del diritto dei minori alla famiglia, alla salute, all'istruzione, acquisendo un'approfondita conoscenza della realtà del Paese e rapporti di collaborazione e fiducia reciproca con le autorità locali. La situazione in Burkina Faso è precipitata quando la protesta popolare contro una modifica costituzionale che avrebbe permesso allo storico presidente Blaise Compaoré di ricandidarsi, e di essere rieletto, è sfociata in un golpe militare. Il presidente era al governo del Paese africano dal 1987 in seguito ad un altro colpo di stato che portò all'uccisione di Thomas Sankarà, "il Che Guevara africano". Ora il Burkina Faso è nel caos: i voli aerei sono stati cancellati e nella capitale Ouagadougou continuano a esserci violenti scontri al grido di "Compaoré è come l'ebola". Nel Paese dovrebbero essere presenti circa 200 italiani che aspettano di sapere dalla Farnesina e da Alfonso Di Riso, ambasciatore italiano in Costa D'Avorio, la sede diplomatica competente sul Burkina Faso, come muoversi.
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Como: "Bambini silenzio, a mensa non si parla o prendete la nota"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

QuiComo è in caricamento