Sabato, 25 Settembre 2021
Cronaca Via San Fermo D. Battaglia, 18

Bambini morti nell'incendio, sotto shock i soccorritori: saranno assistiti dagli psicologi

Supporto psicologico per vigili del fuoco e uomini del 118

"La morte non ha età, ma quando ci si trova davanti a tragedie di questo tipo anche il soccorritore più esperto rimane sconvolto". Gennaro Di Maio, funzionario dei vigili del fuoco di Como, fa sapere che "è stato subito attivato il supporto di assistenza psicologica agli uomini delle squadre che sono intervenute per prime sull'incendio di via per San Fermo". Perché molti di loro, va detto, sono essi stessi padri di famiglia con figli che hanno più o meno l'età delle piccole vittime.

Anche i soccorritori del 118 - sia il personale assunto in pianta stabile e inserito nell'organico dei dipendenti, sia i volontari - sono stati affidati al servizio di assistenza psicologica. Il ricordo di questa tremenda e drammatica mattina, in cui un padre, - Jamal Haitot, originario del Marocco - si è tolto la vita trascinando con sé i suoi quattro figli (tre femminucce di 7, 5 e 3 anni e un maschietto di 11 anni) appiccando un incendio all'appartamento in cui viveva la famiglia.

La moglie dell'uomo, anche lei marocchina, era in cura presso il centro di supporto psichiatrico dell'Asst Lariana in via Napoleona. Non appena ha appreso della notizia della morte di due figlie è stata trasferita all'ospedale Sant'Anna di San Fermo della Battaglia per essere controllata e assistita. La donna soffriva già di depressione.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bambini morti nell'incendio, sotto shock i soccorritori: saranno assistiti dagli psicologi

QuiComo è in caricamento