Assalto al furgone delle slot: paura a Fino Mornasco

Attimi di paura in via Tevere a Fino Mornasco questo pomeriggio intorno alle 15.10: una banda di delinquenti hanno tentato una rapina a un furgone di una ditta di macchinette slot. Il "mini commando" - si parla di due o tre uomini ma per ora le...

Sfondano vetrina con un tombino ma i carabinieri li mettono in fuga

Attimi di paura in via Tevere a Fino Mornasco questo pomeriggio intorno alle 15.10: una banda di delinquenti hanno tentato una rapina a un furgone di una ditta di macchinette slot. Il "mini commando" - si parla di due o tre uomini ma per ora le informazioni sono frammentarie e da verificare - è comparso a bordo di un suv Mercedes. Ha speronato e bloccato il furgone che viaggiava in una strada della zona industriale. Tutti i rapinatori erano incappucciati e, forse (anche questo è un dettaglio al vaglio dei carabinieri della compagni di Cantù) erano armati di fucile. L'autista è stato minacciato e costretto ad aprire il portellone del furgone che con grande sorpresa e delusione dei rapinatori era vuoto. Credevano di trovare le macchinette piene di soldi invece sono dovuti fuggire a mani vuote. Per la fuga hanno utilizzato un'altra auto abbandonato il furgone nel luogo dell'assalto. I fuggitivi hanno imboccato l'autostrada di Fino Mornasco, ma si indaga per capire in quale direzione (Milano o Chiasso). Le indagini sono condotte dai carabinieri del nucleo operativo e radiomobile di Cantù e dai colleghi della stazione di Fino Mornasco.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo dpcm firmato: il calendario delle regole dal 18 gennaio al 5 marzo

  • Nuove restrizioni dal 16 gennaio al 5 marzo, ora si decide se la Lombardia parte arancione o rossa

  • Como, Alberto apre il suo bar in centro: arriva il controllo della polizia locale

  • Katia Ricciarelli: "Il mio compleanno in solitudine sul lago di Como"

  • Lombardia e Como in zona rossa dal 17 al 31 gennaio: cosa si può fare e cosa no

  • In centro Como è aperto solo Alberto: "Forse gli altri non stanno così male"

Torna su
QuiComo è in caricamento