Gestione covid, vigili del fuoco di Como in stato di agitazione: si va verso lo sciopero

Sotto accusa le presunte carenze nell'affrontare l'emergenza all'interno del comando

Con un comunicato unitario le sigle sindacali dei vigili del fuoco di Como hanno annunciato la proclamazione dello stato di agitazione. Si tratta del terzo stato di agitazione indetto sotto la gestione del nuovo comandante, Marcella Battaglia. Le motivazioni addotte dai sindacati sono per lo più legate a una presunta mala gestione della situazione covid all'interno del comando. Per esempio viene menzionato "il trattamento sanitario differente tra i dipendenti del Comando sui contatti avuti con lavoratori positivi conclamati". E ancora, il comunicato stampa delle organizzazioni sindacali fa riferimento alla "non assistenza da parte del Comando in merito ai lavoratori che sono a casa con sintomi riconducibili al Covid-19".

Inoltre, a indurre la proclamazione dello stato di agitazione e a paventare un futuro sciopero ci sarebbe anche "il mancato rispetto degli accordi presi durante i precedenti raffreddamenti".

Insomma, l’intenzione sarebbe "di ricorrere alle opportune iniziative di sciopero in mancanza di risposte certe e soddisfacenti sui temi sopra elencati".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Como, anche Natale e capodanno in casa: ristoranti chiusi, il nuovo Dpcm cambia direzione

  • Como, litiga con la moglie e cammina per 450 chilometri per smaltire la rabbia

  • Lockdown di Natale: dal 20 dicembre al 10 gennaio tutti a casa

  • Allarme al Sant'Anna, 3 bambini colpiti dalla sindrome di Kawasaki. Forse correlazione con covid

  • Como, lo shopping ai tempi del colore arancione: c'è confusione per gli spostamenti consentiti

  • 12 regali a meno di 20 euro per far felici amici e parenti

Torna su
QuiComo è in caricamento