Gli ambientalisti: "A Como serve il blocco delle auto, aria troppo inquinata"

Roberto Fumagalli, presidente del Circolo Ambiente “Ilaria Alpi”, lancia l'allarme smog

È un appello accorato quello che lancia il Circolo Ambiente 'Ilaria Alpi' tramite il comunicato del suo presidente. Lo smog a Como è di nuovo un problema che crea gravi conseguenze alla popolazione. Nonostante negli ospedali siano sempre più frequenti i ricoveri per patologie respiratorie dovute all'inquinamento e nonostante le polveri sottili nell'aria continuino a salire, secondo gli ambientalisti, i Sindaci e coloro che dovrebbero tutelare la salute pubblica se ne stanno con le mani in mano. 

Soluzioni a breve e lungo termine contro lo smog

Non solo quindi sarebbero necessari accorgimenti da attuare con urgenza, come la limitazione del traffico, ma anche delle azioni di educazione ambientale volte, nel lungo periodo, ad incentivare l'uso di fonti energetiche pulite e rinnovabili e limitare il traffico nel centro storico delle singole vetture, a favore dell'utilizzo di mezzi pubblici. Anche i riscaldamenti dovrebbero rimanere sotto i 19° per non aggravare la situazione. Alla base di tutto, per poter abbassare i livelli di smog in maniera efficace e duratura, bisognerebbe ripensare l'intera mobilità nella città. Roberto Fumagalli commenta quindi la situazione con parole dure: «In pratica si può dire che a Como e provincia si è passati da un'estate con livelli di ozono record, ad uninverno con polveri sottili alle stelle!
Ciononostante non ci risulta che i Sindaci, primi tutori della salute pubblica, si stiano muovendo. Infatti
secondo noi, indipendentemente dai giorni di superamento del limite-soglia di 50 microgr/mc di PM10,
occorre prendere da subito provvedimenti per contenere l'inquinamento».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I Sindaci devono essere tutori della salute dei cittadini

Il comunicato dell'associazione ambientalista è rivolto direttamente ai Sindaci a partire dai centri più grandi come Como, Erba e Cantù in quanto proprio i primi cittadini dovrebbero tutelare la salute della popolazione, ma non manca qualche riferimento polemico anche alle istituzioni Regionali che «...non hanno nemmeno il coraggio di adottare questi provvedimenti-tampone (come il riscaldamento a massimo 19°), che servirebbero solo per superare l'emergenza!».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I 10 migliori rifugi sul Lago di Como

  • Quattro ristoranti? Di più, ecco chi sono i master chef lariani

  • Lago di Como come in una favola, il matrimonio di Elettra Lamborghini: le foto social

  • Elettra Lamborghini e Afrojack sul lago di Como per il grande giorno: tutto sulle nozze

  • Polenta e missoltini, le 10 migliori trattorie del Lago di Como

  • Giovedì torna la pioggia, ecco quando si può accendere il riscaldamento in casa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
QuiComo è in caricamento