rotate-mobile
Attualità

Piste ciclabili in città: Como tra le peggiori d'Italia

Il capoluogo soffoca nel traffico

Come avevamo anticipato nei giorni scorsi, la nostra città non è certo tra le più green d'Italia. A destare preoccupazione, oltre all'inquinamento, il fatto che non si sia fatto praticamente nulla per diminuire il traffico cittadino. E certamente in questo senso il tema delle piste ciclabili mette l'accento sui gravi ritardi del capoluogo lariano. Sulla questione è interventuo Tommaso Legnani, segretario cittadino del Partito Democratico di Como: “Como è 81esima per estensione della propria rete ciclabile, nella classifica delle 105 città italiane stilata dal 28esimo rapporto Ecosistema urbano di Legambiente e Ambiente Italia. A livello nazionale, siamo tra Teramo e Matera e tra gli ultimi in Lombardia. E negli ultimi cinque anni siamo rimasti fermi, con una ciclopedonale che è stata affossata dalla giunta Landriscina. Giunta che per contro ama aprire cantieri sulle vie più trafficate della città”.

“La mobilità ciclabile - aggiunge Legnani - non è solo cicloturismo ma qualità dell’aria e della vita. Parliamo di persone che vanno al lavoro, bambini e ragazzi che vanno a scuola, persone che possono usare la bicicletta e il monopattino elettrico tutti i giorni invece che mettersi in auto. Ma hanno bisogno di farlo in sicurezza. Aprire dei percorsi ciclopedonali sarebbe il minimo per un città come Como che soffre traffico e inquinamento. Ma a Palazzo Cernezzi che chi dice no. No anche ai soldi del Pnrr per finanziare una migliore mobilità sostenibile. Mentre Brescia porta a casa 359 milioni di euro del Ministero dei Trasporti per una nuova linea tramviaria, Como che fa? Soffoca nel traffico".
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piste ciclabili in città: Como tra le peggiori d'Italia

QuiComo è in caricamento