Martedì, 26 Ottobre 2021
Attualità

Autista "leghista", Asf si scusa e avvia un'indagine interna

Dopo il video pubblicato in esclusiva da QuiComo l'azienda dei trasporti locale approfondirà l'episodio avvenuto su un bus della linea C50

Il video ripreso sabato scorso a bordo di un bus della linea C50 Cantù-Como e pubblicato in esclusiva da QuiComo ha suscitato molto clamore e un acceso dibattito, tanto che l'azienda di trasporto locale, Asf Autolinee, ha contattato la redazione per commentare e rilasciare una dichiarazione.

"In riferimento a quanto accaduto sabato sera a bordo dell'autobus C50 - si legge nella breve ma chiara e concisa nota stampa - Asf si scusa per il linguaggio e i toni così come emergono dal video. Altresì si riserva di approfondire e ricostruire tramite indagine interna quanto riportato anche all'interno della lettera".

Effettivamente il video non riprende il momento dal quale sarebbe scaturita la lite tra l'autista e una passeggera di colore di nazionalità africana. Le immagini girate con lo smartphone da una passegera di nazionalità argentina, però, documentano il diverbio e i toni accesi. Si può solo evincere (e neppure con assoluta certezza) quanto affermato dalla passeggera argentina in una lettera inviata ad Asf, e cioè che l'autista avrebbe detto di voler mettere un cartello con scritto Lega Nord "così non sale certa gente, povera Italia, piena di stranieri".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Autista "leghista", Asf si scusa e avvia un'indagine interna

QuiComo è in caricamento