Cultura

Viale Geno: quando il molo diventa ostaggio dell'arte

Il molo di Sant'Agostino ostaggio di una strana installazione. Molti residenti si sono chiesti chi e perché stesse tendendo in queste ore quegli strani fili verdi, tanto numerosi e fitti da impedire a chiunque di percorrere il pontile. Tanto è...

molo-tom-dekyvere-1

Il molo di Sant'Agostino ostaggio di una strana installazione. Molti residenti si sono chiesti chi e perché stesse tendendo in queste ore quegli strani fili verdi, tanto numerosi e fitti da impedire a chiunque di percorrere il pontile. Tanto è vero che all'imbocco del molo è stato apposto anche un cartello che vieta l'accesso ai non residenti. Nulla, però, spiega che cosa sti succedndo, tanto che qualcuno ha pensato addirittura a un gesto vandalico. Il mistero è stato presto svelato. Si tratta di una delle cinque installazioni che in occasione del Lighting Design Festival resteranno esposte dal 4 al 27 novembre in altrettanti punti della città: Porta Torre, Piazza San Fedele, Broletto, Teatro Sociale e, appunto, molo di di Sant'Agostino in viale Geno. Nel caso specifico l'installazione di viale Geno si chiama Rhizome ed è dell'artista belga Tom Dekyvere.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Viale Geno: quando il molo diventa ostaggio dell'arte

QuiComo è in caricamento