"Il mercato coperto è un Lungolago 2": l'allarme di Confesercenti Como

Le parole del presidente Casartelli al Comune: "Iniziamo un nuovo percorso"

Un'immagine di repertorio del mercato coperto di Como

Un incontro tra gli operatori del mercato di Como e l'assessore comunale al commercio Marco Butti per fare il punto della situazione e iniziare un nuovo percorso.

E' quello organizzato per mercoledì 13 settembre 2017 da Confesercenti nella sede di via Vandelli, 20 a Como alle 17.30.

Al centro dell'attenzione in primis i temi legati al mercato delle mercerie, il mercato "scoperto" lungo le mura: "Sono circa 200 gli operatori - ha spiegato il presidente di Confesercenti Como, Claudio Casartelli - che devono confrontarsi quotidianamente con numerosi problemi, tra cui la lotta all'abusivismo e all'accattonaggio, su cui l'amministrazione ha iniziato a muoversi, e la manutenzione del porfido, che in parte abbiamo fatto noi, anche se servono interventi più ampi".

Ma parlando di mercato, il discorso non può non comprendere anche il mercato coperto, con i problemi organizzativi e infrastrutturali con cui si confronta quotidianamente la quarantina di addetti che vi opera, cui si aggiungono i produttori diretti.

"Per il mercato coperto qualche input era stato dato ai primi tempi dell'amministrazione Lucini, poi tutto è rimasto lì, soprattutto per quanto rigurda l'area ex grossisti - ha proseguito Casartelli -Noi vogliamo gettare le basi con l'assessore Butti per cinque anni costruttivi sui temi che ci stanno a cuore.

Serve innanzitutto un'idea di organizzazione diversa: una volta c'era un direttore. Noi vorremmo organizzare un consorzio, in modo che la gestione sia in mano agli operatori stessi ovviamente con la collaborazione del comune. E poi c'è il grande nodo della sistemazione delle strutture, come aveva detto anche il sindaco Landriscina in tempo di campagna elettorale per migliorare lo stato di chi vive il mercato e di chi fa acquisti. Ad esempio - ha spiegato il presidente di Confesercenti- la questione dei bagni e della struttura: è impensabile che si muoia di caldo in estate e di freddo in inverno. Vogliamo un mercato moderno.

Ma il grosso nodo è l'area ex grossisti: era partita un'idea di riorganizzazione dei banchi e degli spazi, poi lasciata in sospeso dalla precedente amministrazione. Il fabbricato è stato ristrutturato parzialmente con una spesa ingente, ma è tuttora chiuso e vuoto.

Nel suo piccolo è un "lungolago 2" - ha concluso Casartelli.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da sabato 17 ottobre arriva il Treno del Foliage

  • Torna l'autocertificazione in Lombardia: con il coprifuoco servirà per circolare dalle 23 alle 5

  • Como, non vuole indossare la mascherina e si ribella ai poliziotti: arrestato in centro storico

  • Autunno, tempo di castagne: ecco dove raccoglierle nei dintorni di Como

  • 3 cose che (forse) non sapete sul Faro di Brunate

  • Sul lago di Como come in America: apre il campo delle zucche

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
QuiComo è in caricamento