rotate-mobile
Domenica, 26 Maggio 2024
Economia Mariano Comense

La catena di supermercati dal fatturato di 2,71 miliardi che offre lavoro nel Comasco

L’88,5% dei contratti è a tempo indeterminato e assumono più donne che uomini

Despar Nord (Aspiag Service), la concessionaria del marchio Despar per la Lombardia, il Triveneto, l’Emilia-Romagna che ha chiuso il 2023 con un fatturato al pubblico di 2,71 miliardi di euro, in crescita del 6,3% rispetto all’anno precedente. 

Uno sviluppo a cui ha contribuito un significativo programma di investimenti che l’azienda ha messo in campo nel 2023 pari a circa 68 milioni di euro destinati al consolidamento e all’espansione della rete vendita tra nuove aperture (9) e ristrutturazioni (5) in tutti i territori che l’azienda presidia. Uno sviluppo del network a cui ha corrisposto anche un incremento dei livelli occupazionali con 405 nuove assunzioni che portano a 9.285 il numero di collaboratori di Despar Nord nelle cinque regioni di competenza. 

Continua la ricerca di personale anche nel Comasco: a Mariano Comense si cerca un coordinatore dei reparti freschi (a questo link l'annuncio) e un addetto/a alle vendite scatolame o cassa Part Time - Categorie Protette (come candidarsi qui).

Lo sviluppo in Lombadia e la vicinanza con il territorio

Allo sviluppo sul territorio ha corrisposto anche un incremento dei livelli occupazionali che ha portato il totale dei collaboratori di Despar Nord a 9.285, di cui il 63,4% è rappresentato da donne. Una grande famiglia in crescita che vuole offrire alle proprie persone stabilità e certezze, come dimostrano il basso livello di turnover in uscita e il fatto che l’88,5% dei contratti è a tempo indeterminato.

Despar Nord ha inoltre destinato oltre 1 milione di euro a supporto di centinaia di iniziative in tutte le regioni di riferimento come raccolte fondi, donazioni, sponsorizzazioni sportive e culturali.

Anche nel 2023 è continuato l’impegno per il contrasto agli sprechi alimentari che vede Despar Nord in prima linea da oltre dieci anni: la consolidata collaborazione con Last Minute Market e Fondazione Banco Alimentare ha consentito di creare una solida rete con oltre 170 associazioni e Onlus presenti sui territori attraverso le quali il cibo rimasto invenduto nei punti vendita ma ancora perfettamente commestibile non viene eliminato, ma recuperato e redistribuito a nuclei familiari più in difficoltà. Nel 2023 nei punti vendita a gestione diretta di Despar Nord sono state raccolte 1.460 tonnellate di prodotti alimentari rimasti invenduti, che hanno consentito la preparazione di circa 3,2 milioni di pasti destinati a coloro che si trovano in situazioni di maggiore necessità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La catena di supermercati dal fatturato di 2,71 miliardi che offre lavoro nel Comasco

QuiComo è in caricamento