Contributi covid a fondo perduto per i negozi del centro storico di Como

Ecco come accedere ai fondi stanziati dal governo

Centro storico (immagine di repertorio)

Ieri, l’Agenzia delle Entrate ha reso noto le indicazioni per ottenere il riconoscimento del contributo a fondo perduto per i negozi e le attività economiche dei centri storici, misura varata dal Governo lo scorso agosto, nel cosiddetto, appunto, 'decreto Agosto', e destinato agli esercenti dei Comuni capoluoghi di provincia o della città metropolitana colpite dal calo dei turisti stranieri a causa dell’emergenza pandemica da Covid-19. Si tratta di 29 Comuni, tra i quali è ricompresa anche la città di Como, le cui attività commerciali sono state fortemente penalizzata dall’impatto del virus.” Lo fa sapere la deputata comasca Chiara Braga, membro della Segreteria nazionale del Partito democratico.

“Le attività commerciali dei centri storici di Como – chiarisce la Braga - potranno presentare la domanda per il contributo a partire dal 18 novembre fino al 14 gennaio utilizzando il servizio web dedicato disponibile nel portale del sito dell’Agenzia delle Entrate. Chi ha i requisiti per ottenere l’aiuto – continua la Braga - si vedrà erogare la somma direttamente sul conto corrente. L’importo sarà calcolato applicando una percentuale alla differenza tra l’ammontare del fatturato e dei corrispettivi del mese di giugno 2020 e quello del giugno 2019”.

“Questa misura a favore dei negozi dei centri storici fa parte di una serie molto più ampia di misure introdotte nei mesi scorsi dal Governo per dare sostegno e fiato al tessuto imprenditoriale di quelle attività fortemente colpite dalle conseguenze economiche e finanziarie durante il lockdown della prima fase della pandemia. Una risposta data dal Governo italiano contenuta in vari importanti decreti quali il 'decreto Cura Italia' dello scorso marzo (25 miliardi di euro stanziati), il 'decreto Liquidità' di aprile (400 miliardi di euro), il 'decreto Rilancio' di maggio (55 miliardi di euro) e il 'decreto Agosto' (25 miliardi di euro). A queste misure si vanno ad aggiungere le risorse stanziate negli ultimi provvedimenti, emanati qualche settimana fa, con i decreti legge “Ristori” che stanzia risorse per 5 miliardi di euro e il “Ristori Bis” per oltre 2,8 miliardi, con i quali il Governo in modo tempestivo sta intervenendo per assicurare un rapido sostegno economico alle le categorie più colpite dalle nuove misure di contenimento introdotte a causa della risalita della curva epidemiologica con la suddivisione del territorio nazionale nelle tre aree, rossa, arancione e gialla”.

“In particolare nelle zone rosse - prosegue la Braga -, il Governo ha previsto una serie di ulteriori misure per sostenere il settore del commercio: indennizzi a fondo perduto, con bonifici diretti sul conto corrente, fino al 200% di quanto già erogato nel mese di aprile con il Decreto Rilancio; una maggiorazione del 50% de precedente contributo per gelaterie, bar, pasticcerie e alberghi; credito d’imposta sugli affitti commerciali per i mesi di ottobre, novembre e dicembre; sospensione dei versamenti dei contributi previdenziali e assistenziali per i datori di lavoro privati con sede operativa nei territori interessati dalle nuove misure restrittive; proroga del termine di versamento del secondo acconto dell’Ires e dell’Irap per ulteriori soggetti, non ricompresi nel primo decreto Ristori; cancellazione della rata Imu di dicembre per proprietari e gestori”.

“Un percorso che ci impegniamo a proseguire anche nella prossima Legge di bilancio, convinti che insieme alla lotta alla pandemia sia indispensabile adottare tutte le misure necessarie per la protezione delle imprese, dei lavoratori e delle famiglie che stanno vivendo sacrifici enormi in questa fase così difficile per il Paese.”

Il link al sito dell'Agenzia delle Entrate dove chiedere il contributo

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Como, anche Natale e capodanno in casa: ristoranti chiusi, il nuovo Dpcm cambia direzione

  • Como, litiga con la moglie e cammina per 450 chilometri per smaltire la rabbia

  • Lockdown di Natale: dal 20 dicembre al 10 gennaio tutti a casa

  • Allarme al Sant'Anna, 3 bambini colpiti dalla sindrome di Kawasaki. Forse correlazione con covid

  • Zona arancione, cosa si può fare a Como da domenica 29 novembre

  • Como in zona arancione da domani o dal 4 dicembre? Ma cambia poco

Torna su
QuiComo è in caricamento