rotate-mobile
Domenica, 5 Dicembre 2021
Economia

Cinghiali stillicidio di danni a Como e Lecco: campi devastati e sicurezza a rischio

Coldiretti: “Il mondo agricolo è esasperato, va trovata subito una soluzione”

Cervi che invadono le gallerie stradali, incidenti che si ripetono con frequenza più che quotidiana e un’agricoltura martoriata ai quattro angoli delle terre lariane. Nell’autunno 2021, l’allarme selvatici ha ormai assunto caratteri di un’emergenza dinanzi alla quale non si vede la fine: “Le denunce dei nostri soci sono quotidiane, e ciò che preoccupa è che i danni nei campi sono sempre più evidenti e ingenti. Del resto il numero degli animali selvatici che invadono fondi, campi e borghi rurali è in aumento e così sarà in futuro se non verranno messe in atto misure di contenimento efficaci, come Coldiretti chiede da anni. A ciò si assomma un carico burocratico non indifferente, che scoraggia molti a procedere alle denunce danni, come invece è importante fare. Ci sono aziende alle quali, a fronte di prati e campi distrutti, è stata riconosciuto alla fine un ristorno di pochi euro. E’ inaccettabile continuare così”.

Con queste parole Fortunato Trezzi, presidente di Coldiretti Como Lecco, torna a evidenziare la grave problematica dei selvatici: dalla Valsassina all’Alto Lago, dalle colline di confine con il Varesotto e la Svizzera alla Val Menaggio e all’Intelvese: e proprio a Cerano Intelvi si conta l’ultima incursione che ha ridotto a uno scenario apocalittico i prati condotti da Mario Vanini, che dopo le invasioni dei cinghiali hanno assunto l’aspetto di un campo bombardato.

I danni sono lì da vedere, “freschi di giornata, anzi, dell’ultima notte” in cui l’ennesimo branco di ungulati ha invaso i terreni e dato il via al “banchetto” nel prato. Il risultato? Tutto da ripristinare, “con una situazione tanto compromessa al punto che sarà davvero difficile portare a pascolare qui le nostre vacche il prossimo anno” spiega Vanini.

Il presidente della Coldiretti interprovinciale torna quindi a chiedere “un coinvolgimento delle istituzioni per un problema che valica ogni delimitazione territoriale e si sussegue senza soluzione di continuità. E quando non ci sono i cinghiali, arrivano i cervi a completare l’opera. Peraltro, si tratta di animali sempre meno timorosi della presenza delle bestie al pascolo: abbiamo superato il limite dell’incredibile nelle immagini in cui si vedono cervi e cinghiali pascolare insieme alle vacche, in uno stesso prato”.

La presenza dei selvatici mette a rischio oltre l’equilibrio ambientale di vasti ecosistemi territoriali, ma la stessa presenza degli agricoltori soprattutto nelle zone montane e di confine, e con essa quella costante opera di manutenzione che preserva le aree montane dal dissesto idrogeologico.

“Ciò che chiediamo – rimarca il direttore di Coldiretti Como Lecco Giovanni Luigi Cremonesi - è quello di poter fare impresa producendo per i cittadini e non per gli animali selvatici nocivi. È sempre più urgente porre in ogni misura utile e necessaria a porre un argine al fenomeno, considerando che il loro numero è continuato ad aumentare negli anni. Da parte di Coldiretti Como Lecco non è mai mancata la disponibilità al confronto: ma è doveroso raggiungere delle soluzioni”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cinghiali stillicidio di danni a Como e Lecco: campi devastati e sicurezza a rischio

QuiComo è in caricamento