Cronaca

Turismo, fatta eccezione per Como superstar non c'è poi così da ridere. I numeri

La Camera di Commercio di Como ha diffuso oggi i dati definitivi del turismo per l'anno 2014 e per il primo trimestre 2015. Cosa dicono i numeri? Due cose su tutte, dovendo sintetizzare: che in provincia i turisti arrivano meno (sebbene di poco...

turisti-turismo-1

La Camera di Commercio di Como ha diffuso oggi i dati definitivi del turismo per l'anno 2014 e per il primo trimestre 2015. Cosa dicono i numeri? Due cose su tutte, dovendo sintetizzare: che in provincia i turisti arrivano meno (sebbene di poco, ma accadde anche nel 2014 rispetto al 2013 e soprattutto: l'avreste detto?) ma si fermano più di prima. E poi che Como città, nonostante tutto, resta una meta speciale: i numeri di entrambe le voce (arrivi e presenze) sono infatti entrambe con il segno più (un grosso più, come vedremo)

Prima di iniziare l'analisi dei dati relativi al primo trimestre è opportuno mettere in evidenza che: è il primo trimestre dell'anno è evidentemente il meno significativo per la riuscita del settore: le presenze di turisti nei primi tre mesi dell'anno valgono meno del 10% del totale annuale (nel 2014, ad esempio hanno inciso per il 7,9%). Le vacanze pasquali hanno avuto luogo nel mese di aprile, similmente a quanto avvenuto l'anno scorso e quindi i due periodi sono confrontabili. I giorni con pioggia sono stati 27, contro i 42 di inizio 2014.

Alla luce di queste considerazioni, per il turismo provinciale l'anno 2015 è partito bene sul fronte delle presenze: nei primi tre mesi sono state pari a 214.431, in aumento del +6,0% rispetto allo stesso periodo del 2014. Sono cresciuti sia i pernottamenti degli ospiti italiani (pari a 103.480, +1,5%) sia quelli dei turisti esteri (110.951, +10,6%).

Diversa la musica sul fronte degli arrivi totali, che sono lievemente diminuiti (-1,7%), a causa della componente nazionale (crollata: -12,1%), controbilanciata in buona parte dall'aumento di quella straniera (+11,7%). Il confronto tra l'andamento degli arrivi e quello delle presenze mette in luce un deciso miglioramento della lunghezza del soggiorno medio dei turisti nazionali, passato da 1,7 a 2 giorni. Osservando la serie storica dal 2009, rimane comunque ancora lontano il massimo storico toccato nel 2012 con quasi 244.000 pernottamenti, determinato soprattutto dal calo dei turisti interni.

turisti-funicolareChi non sembra soffrire flessioni di alcuni tipo, sempre in riferimento ai primi 3 mesi del 2015, è la città di Como. Sono tutti in aumento i numeri del Comune Capoluogo: gli arrivi (a quota 28.500) hanno fatto segnare un +7,5% rispetto al 2014; le presenze sono tornate a quota 61.500 (+6,3%), con un buon contributo da parte dei turisti interni (+8,0%). Con riferimento alle diverse tipologie di strutture ricettive, le presenze complessive negli esercizi alberghieri sono risultate in forte crescita (+6,4%, circa 3.200 soggiorni aggiuntivi) grazie sia ai turisti italiani (+8,4%) che a quelli stranieri (+5,4%). Le strutture extralberghiere, pur essendo un mercato ancora limitato, hanno fatto registrare una grande crescita in termini di arrivi (quasi +30% rispetto ai primi tre mesi del 2014), ma un aumento delle presenze meno impetuoso (+5,9%). Anche per queste tipologie di esercizi gli italiani hanno dato un forte impulso (presenze su del +6,9%, circa 400 pernottamenti in più), mentre gli ospiti esteri hanno fatto segnare una crescita dei pernottamenti del +4,2%. L'incidenza delle presenze negli esercizi alberghieri sul totale delle presenze è risultata nel 1° trimestre 2015 pari all'85,3%, allo stesso livello del 2014.

Andando sul territorio, a Griante le presenze hanno fatto segnare il massimo storico nei primi tre mesi dell'anno, abbattendo il muro dei 24.000 pernottamenti (+2,9% rispetto al 2014), grazie ai turisti esteri che hanno rappresentato il 97% del totale delle presenze. Tutti gli altri principali territori turistici provinciali (Bellagio, Cernobbio, Domaso, Porlezza, Tremezzina) hanno fatto registrare numeri in crescita, anche se a marzo la stagione turistica può considerarsi solo all'inizio.

Inaugurazione del Patria davanti a Villa OlmoE il 2014 come è andato? L'anno scorso, come nel 2013, si è registrato un calo degli arrivi e delle presenze di turisti in provincia di Como, anche se in misura minore rispetto alla discesa del 2013. È opportuno ricordare che l'andamento di una stagione turistica dipende molto anche dalle condizioni climatiche e, purtroppo, il 2014 è stato caratterizzato da forti e prolungate precipitazioni, soprattutto nei mesi turistici di luglio e agosto. I turisti arrivati nel territorio comasco sono stati complessivamente 998.167, circa 20.000 in meno rispetto al 2013 (-1,9%). Le giornate di presenza sono state complessivamente 2.571.359, circa 46.000 in meno rispetto all'anno precedente (1,8%). Gli arrivi di turisti provenienti dal nostro Paese (pari a 295.473) sono diminuiti in misura rilevante rispetto all'anno precedente (-6,5%), così come le presenze (-4,7%, ferme a quota 638.558): è necessario tornare al 2006 per trovare dati inferiori. Per fortuna ci sono stati i turisti esteri: il livello degli arrivi ha raggiunto il massimo storico a 702.694 (+0,1% sul 2013), mentre le presenze hanno fatto registrare un lieve calo (0,8%), fermandosi a quota 1.932.801.

Il soggiorno medio è risultato pari a poco più di due giorni per i turisti italiani e a poco meno di tre giorni per i turisti stranieri. L'estate 2014, straordinariamente piovosa, ha sicuramente condizionato la durata del soggiorno dei turisti. Cliccando qui potete consultare il documento integrale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Turismo, fatta eccezione per Como superstar non c'è poi così da ridere. I numeri

QuiComo è in caricamento