Cronaca Piazza Vittoria

Processione del Venerdì Santo a Como, contro il rischio attentati si sigillano i tombini

Operai e polizia al lavoro lungo tutto il percorso del corteo

Operai e polizia al lavoro mercoledì 28 marzo 2018 per sigillare i tombini in piazza Vittoria

Misure di sicurezza al via a Como in vista della processione del Venerdì Santo in programma il 30 marzo 2018. Operai e polizia al lavoro dalla mattina di mercoledì 28 marzo per sigillare i tombini lungo tutto il percorso del corteo he parte e si conclude nella Basilica del Crocifisso di viale Varese.
Una misura messa in atto su indicazione della Questura cittadina: visti purtroppo i tempi che corrono, si tratta di una precauzione per garantire la sicurezza dei cittadini in occasione di manifestazioni di particolare rilievo pubblico e nelle quali è prevista una fitta partecipazione. E' il caso, appunto, della processione, che ogni anno attira migliaia di fedeli e che vede la presenza del vescovo di Como, monsignor Oscar Cantoni.
Ecco spiegato il motivo per cui in queste ore è possibile vedere tra viale Varese e la città murata la squadra di operai che sigillano i tombini accompagnati dagli agenti della polizia per i necessari controlli. 

Il percorso della processione del Venerdì Santo

Queste le vie interessate: Viale Varese, Viale Cattaneo, Piazza Vittoria, Viale Lorenzo Spallino, Via Giosuè Carducci, piazza Pinchetti, Via Giovio, piazza Medaglie d’Oro, Via Vittorio Emanuele, Piazza Duomo, Via Plinio, Piazza Cavour (Benedizione del lago), Via Fontana, Piazza Volta, Via Garibaldi, Piazza Cacciatori delle Alpi, Viale Varese (con ritorno nella Basilica). In questo articolo tutte le informazioni su divieti di sosta e viabilità.

Non è la prima misura antiterrorismo messa in atto a Como: a settembre 2017 in piazza Cavour e altre zone sensibili sono state installate alcune fioriere in cemento per impedire l'accesso a mezzi usati da eventuali attentatori. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Processione del Venerdì Santo a Como, contro il rischio attentati si sigillano i tombini

QuiComo è in caricamento