Retroscena inquietante per l'incendio a Mozzate: un uomo aveva sequestrato la ex-moglie

Il 57enne, nel tentativo di togliersi la vita, ha poi dato fuoco al garage

Ieri, 19 ottobre, vi avevamo dato la notizia dell'incendio di un'auto, all'interno di un box, in via Ai Ronchi a Mozzate. Solo oggi si è appreso che un uomo di 57 anni, residente da poco a quell'indirizzo, ha sequestrato la moglie mentre andava al lavoro. Dopo averla trascinata a forza nel suo appartamento, l’ha prima picchiata nel tentativo di farle confessare una presunta nuova relazione. Poi finalmente l'ha liberata, ma, nel tentativo di togliersi la vita, l’uomo si sarebbe chiuso in garage, dove, dopo essersi auto inferto delle coltellate, avrebbe dato fuoco all’auto. Ora il comasco è ricoverato all'ospedale di Circolo di Varese, dove è arrivato con l'elisoccorso, e dovrà rispondere di sequestro di persona, percosse e incendio doloso. La donna, medicata a Tradate e subito dimessa, non risulta in gravi condizioni. Le fiamme hanno invece fatto danni all'appartamento del 57enne e anche a quello accanto, che risulta al momento inagibile.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma nel bosco a Rebbio: uomo trovato impiccato a un albero

  • Chiara Ferragni a Como con la famiglia: foto natalizia in piazza Duomo

  • Incidente a Camerlata: l'ex calciatore dell'Inter Cordoba si schianta con il Range Rover

  • Como, cerca di sedare una lite marito e moglie, ma lei lo colpisce in faccia con un bicchiere

  • Cantù, investito dal corriere in retromarcia: morto uomo di 74 anni

  • Manifestazione delle Sardine a Como: piazza gremita contro la Lega

Torna su
QuiComo è in caricamento