Auto in sosta blocca l'uscita dell'ambulanza davanti alla Croce Azzurra

I volontari stavano intervenendo per soccorrere una donna in via Giovio a Como

Auto blocca un'ambulanza in via Colonna a Como

Un'ambulanza della Croce Azzurra è rimasta per mezz'ora bloccata da un'auto in sosta davanti all'uscita della sede della Croce Azzurra di via Colonna a Como. L'ambulanza alle 12.15 stava intervenendo per soccorrere una donna che si era sentita male in via Giovio a Como. Quando i volontari sono arrivati al cancello per immettersi in strada con la sirena accesa non hanno potuto credere ai loro occhi: davanti al cancello c'era una Golf parcheggiata senza nessunol dentro. 

Vigili multano auto che bloccava ambulanze in via Colonna a Como-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'intervento dell'ambulanza è stato annullato e la chiamata di emergenza è stata trasferita alla Croce Rossa di San Fermo della Battaglia. Per mezz'ora non si è visto nessuno. Sono stati allertati gli agenti della polizia locale i quali sono giunti sul posto mentre sopraggiungeva a piedi anche il giovane proprietario dell'auto che ha raccontato di avere accompagnato sua mamma in uno degli ambulatotri della struttura sanitaria di via Napoleona (Sant'Anna vecchio). Il giovane automobilista è stato sanzionato con una multa da 41 euro più il costo del carroattrezzi pari a 86 euro. Per lui, però, le conseguenze potrebbero essere ben più gravi, infatti potrebbe dover rispondere dell'accusa di interruzione di pubblico servizio. In questo caso rischia una denuncia penale. Gli agenti della polizia locale dovranno effettuare gli opportuni approfondimenti prima di notificare al giovane automobilista l'eventuale denuncia per interruzione di pubblico servizio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autocertificazione per chi si sposta: il modulo aggiornato (il quarto)

  • Dall'ospedale Spata scrive una durissima lettera a Gallera: "I medici non sono stati coivolti nelle decisioni"

  • Regole più severe per tutta la Lombardia: c'è anche il divieto di sport all'aperto

  • Il questore di Como chiarisce i casi in cui per la spesa e i farmaci si può uscire dal proprio comune

  • Como, supermercati e farmacie: ora possibile misurare la febbre a chi entra

  • Il grido d'aiuto degli infermieri di Como: "Siamo pochi e ci stiamo ammalando"

Torna su
QuiComo è in caricamento