Coronavirus

Como, folla in centro e delirio sulle strade. Ricciardi, intanto, chiede il lockdown totale per tutta Italia

A Como e in molte città italiane in zona gialla questo San Valentino 2021 è stata una giornata che ha visto le strade riempirsi di gente come non accadeva da molto tempo

Gente in centro a Como

Una giornata quella di oggi, 14 febbraio 2021, ancora in pieno svolgimento, che ha visto Como e il suo lago immersi da una marea di gente. Il primo segnale è stato quello del traffico, congestionato, specie nelle ore prima di pranzo. Complice la bella giornata, la zona gialla e anche San Valentino, la festa degli innamorati, sono stati in tantissimi, vip e non, a scegliere il lago come location per trascorrere questa domenica. Ma mentre c'è chi si gode il sole e un pò di ritrovata libertà, arrivano segnali di preoccupazione dai piani alti. E si concretizza la richiesta di un lockdown totale, come già si prevedeva negli scorsi giorni.

Speranza: dopo l'incertezza decide di non aprire gli impianti sciistici

È di stamattina la notizia della titubanza del ministro Speranza sulla riapertura, prevista per domani in Lombardia, delle piste da sci. 

Massimo Sertori, assessore alla Montagna di Regione Lombardia, interviene sulle parole di Walter Ricciardi, in merito agli impianti sciistici. Il consigliere del ministro della Salute Roberto Speranza ha affermato che tale attività non è compatibile col contrasto della pandemia da Covid-19 e che quindi gli impianti "Non andrebbero riaperti".

«Ricciardi - ha spiegato Sertori - dice che non ci sono più le condizioni per l'apertura degli impianti di risalita. Ricordo che solo una settimana fa il Cts aveva approvato le linee guida proposte dalle Regioni per l'apertura in sicurezza. Rammento pure che tale documento contiene già forti limitazioni. E i gestori degli impianti si sono organizzati di conseguenza per l'apertura a partire dal 15 febbraio, così come previsto dal decreto del Presidente del Consiglio dei ministri».

Ma stasera, 14 febbraio, a poche ore dalla prevista riapertura il ministro Speranza ha infine firmato per prolungare il divieto dell'attività sciistica e quindi gli impianti, di fatto, staranno chiusi fino al 5 marzo 2021. 

Ricciardi, consigliere del ministro della Salute: "Chiederò lockdown totale"

In realtà la posizione di Ricciardi, il consigliere del ministro Speranza, va ben oltre le piste da sci, e a questo punto resta vivo il timore di un nuovo lockdown totale. «È necessario un lockdown totale in tutta Italia immediato, che preveda anche la chiusura delle scuole facendo salve le attività essenziali, ma di durata limitata". È questa la dichiarazione di Walter Ricciardi all’Ansa che ha acceso la miccia nell’esecutivo.

Secondo Ricciardi "va potenziato il tracciamento e rafforzata la campagna vaccinale". Perché è  "evidente che la strategia di convivenza col virus, adottata finora, è inefficace e ci condanna alla instabilità, con un numero pesante di morti ogni giorno". "Ne parlerò col ministro Speranza questa settimana" ha chiosato Ricciardi. L'obiettivo è (o dovrebbe essere) quello di scongiurare il diffondersi di pericolose mutazioni del Sars-Cov-2. Tutte le varianti del virus "sono temibili e ci preoccupano" ha detto ancora l'esperto all'Ansa, "ma, in particolare, quella inglese risulterebbe essere anche lievemente più letale e sta facendo oltre mille morti al giorno in Gran Bretagna". Per questo, ha concluso, "alcuni Paesi hanno già optato per la chiusura drastica. L'Italia è in ritardo, penso avremmo dovuto prendere misure di chiusura già 2 o 3 settimane fa".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Como, folla in centro e delirio sulle strade. Ricciardi, intanto, chiede il lockdown totale per tutta Italia

QuiComo è in caricamento