Como, i bimbi preoccupati: arriverà Babbo Natale? Conte risponde: "Sì, ha l'autocertificazione internazionale"

Il premier ha risposto a una lettera di un bimbo di Cesano Maderno, Tommaso, che racchiudeva le paure di moltissimi bambini di tutta Italia

Babbo Natale a Como

Tutti i bambini aspettano ogni anno il Natale con grande gioia. Quest'anno, sono in molti a domandarsi, con la loro disarmante inegnuità se Babbo Natale avrà la possibilità di svolgere i suoi consueti giri per poter distribuire i regali (a chi li merita).

È così in tanti hanno cominciato a domandare ai genitori se Babbo Natale fosse provvisto di autocertificazione. Mi racconta Irene Mestri, 43 anni di Inverigo: «Mia figlia Cristina, che ha 5 anni, è da luglio che mi domanda se ci sarebbe stato il Natale. Noi adulti forse sottovalutiamo la sensibilità dei piccoli, ma anche loro assorbono le preoccupazioni legate al periodo Covid, Anzi loro forse anche di più.»

«Giada mi ha chiesto, racconta Lucia, 36 anni di Como, quando arrivavano le luci di Natale e i mercatini. Intendeva la città dei Balocchi che è stata, a Como, un'iniziativa che ha reso felici molti bimbi. Le ho dovuto spiegare che non ci sarebbe stata. Allora è scoppiata a piangere chiedendomi se Babbo Natale avesse preso il Covid..»

Ma c'è un bimbo, di Cesano Maderno, di 5 anni che si chiama Tommaso che ha avuto le risposte che cercava e che può quindi, tranquillizzare tutti i bambini. Tommaso ha scritto qualche giorno fa al premier Conte una lettera speciale, con l'aiuto della mamma. Una richiesta, per la precisione: un'autocertificazione speciale per Babbo Natale, affinché possa portare i regali a tutti i bimbi del mondo pur nel mezzo della pandemia.

Ora, il Presidente del Consiglio ha risposto. L'ha fatto via mail, e poi sui social. Rassicurando i più piccini.

La risposta di Conte a Tommaso

Caro Tommaso,

ho letto il tuo messaggio e voglio rassicurarti. Babbo Natale mi ha garantito che già possiede un’autocertificazione internazionale: può viaggiare dappertutto e distribuire regali a tutti i bambini del mondo. Senza nessuna limitazione.

Mi ha poi confermato che usa sempre la mascherina e mantiene la giusta distanza per proteggere se stesso e tutte le persone che incontra.

L’idea di fargli trovare sotto l’albero, oltre al latte caldo e ai biscotti, anche del liquido igienizzante mi sembra ottima. Una buona strofinata gli permetterà di disinfettare ben bene le mani e di ripartire in piena sicurezza.

Sono contento di sapere che tu e i tuoi compagni rispettate con scrupolo tutte le regole, in modo da proteggere anche mamma e papà, i nonni, e le persone più care.

Per questo motivo ti annuncio che non sarà necessario precisare nella letterina a Babbo Natale che sei stato bravo: gliel’ho detto io. Gli ho raccontato che quest’anno in Italia è stato un anno molto difficile e tu e tutti i bambini siete stati adorabili. Ho saputo anche che vuoi chiedere a Babbo Natale di mandare via il coronavirus. Non sprecare l’occasione di chiedere un regalo in più. A cacciare via il coronavirus ci riusciremo noi adulti, tutti insieme. Così tu e i tuoi compagni potrete tornare presto a giocare liberi e felici e ad abbracciarvi tutti. Spensierati come sempre.


Un forte abbraccio,

Giuseppe Conte
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Como, litiga con la moglie e cammina per 450 chilometri per smaltire la rabbia

  • Lockdown di Natale: dal 20 dicembre al 10 gennaio tutti a casa

  • Allarme al Sant'Anna, 3 bambini colpiti dalla sindrome di Kawasaki. Forse correlazione con covid

  • Como, lo shopping ai tempi del colore arancione: c'è confusione per gli spostamenti consentiti

  • 12 regali a meno di 20 euro per far felici amici e parenti

  • Voglia di uscire, Como in zona arancione è tornata viva

Torna su
QuiComo è in caricamento