menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
E' arrivato Brady Heslip: "Non vedo l'ora di giocare per la Vitasnella"

E' arrivato Brady Heslip: "Non vedo l'ora di giocare per la Vitasnella"

E' arrivato Brady Heslip: "Non vedo l'ora di giocare per la Vitasnella"

Brady Heslip è sbarcato in Brianza. Cantù lo stava aspettando, e lui non vedeva l’ora di arrivare. Le sue prime parole sono state decisamente al miele, la guardia intanto ha svolto il primo allenamento con i nuovi compagni. Heslip, qual è stata...

Brady Heslip è sbarcato in Brianza. Cantù lo stava aspettando, e lui non vedeva l'ora di arrivare. Le sue prime parole sono state decisamente al miele, la guardia intanto ha svolto il primo allenamento con i nuovi compagni.

Heslip, qual è stata la sua prima impressione di Cantù?

Il Pianella mi ha già colpito, qui è stata scritta la storia della Pallacanestro. Ho visto un video dei tifosi canturini, e sono davvero incredibili, non vedo l'ora di giocare per loro, credo che rivivrò le emozioni del college.

Cosa pensa del basket europeo e in particolare di quello italiano?

So che questa è una lega veramente dura, arrivo da un anno in Bosnia e in Europa la pallacanestro è molto diversa da quella americana. Qui c'è molto più gioco di squadra e più intelligenza cestistica.

A Cantù si aspettano molto da lei, come pensa di aiutare la squadra?

Io sono un giocatore che ama far giocare la squadra. Sono un tiratore e credo che tutti lo sappiano. Arrivo dall'esperienza con la mia nazionale canadese e sono sicuro di poter dare una mano ai miei nuovi compagni.

A proposito dei suoi compagni, conosceva già qualcuno?

Non ci avevo mai giocato contro, ma avendo fatto l'Università negli USA, gente come Ross e Hall li avevo già sentiti nominare spesso. Sicuramente ci toglieremo molte soddisfazioni, sono qui per vincere, gioco sempre per vincere.

Domani si gioca il Trofeo Fabio e Simo, lei sarebbe già pronto a scendere in campo?

Si assolutamente. Poi però non sono io a decidere, ma il coach. Non ci ho ancora parlato, ma se dovesse dirmi che dovrò giocare non mi tirerò di certo indietro, anzi. E' vero che non mi sono fermato un attimo questa estate, ma non sono stanco, voglio giocare.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

La Lombardia torna in zona arancione da domenica 24 gennaio

social

Lago di Como, Casa Brenna Tosatto: l'arte della bellezza

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

QuiComo è in caricamento