3 cose che (forse) non sapete sul Faro di Brunate

Qualche curiosità sul monumento eretto nel 1927 per il centenario della morte di Alessandro Volta

Il Faro di Brunate è sicuramente uno dei luoghi-monumenti simbolo del territorio del Lago di Como. Si potrebbe quasi dire che il faro che si erge sulla sommità del Monte Tre Croci, in località San Maurizio (frazione di Brunate) sia un po' la sentinella del lago. Ma benché dal 1927 (anno della sua realizzazione in occasione del centenario della morte di Alessandro Volta) domini la parte sud del Lario e sia tappa obbligatoria dei turisti in visita sul nostro territorio, ci sono tante piccole curiosità e particolari poco noti ai più. Ecco qualche curiosità.

1 - Il balcone delle Alpi con vista sulla "Madunina"

Durante l'anno ci sono giornate sul Lago di Como in cui il cielo è completamente terso, privo di foschia. Queste giornate si contano sulle dita di una mano ma se durante una di queste si ha la fortuna di trovarsi in cima al faro allora si potrà godere di una delle viste più splendide che si possano ammirare nel Nord Italia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Anzi, si può dire che si possa ammirare una splendida vista del Nord Italia. Infatti, dalla sommità del faro l'occhio può spaziare fino alla cima del Monte Rosa (la seconda vetta più alta delle Alpi) e alla Jungfrau (nell Alpi Bernesi. Ma oltre che ammirare il lontano arco alpino occidentale, la sottostante Como, e le vicine Cernobbio e Chiasso, dal faro è possibile gettare lo sguardo sulla Pianura Padana fino a scorgere nelle giornate più terse la Madunina, cioè la statua in rame dorato sul Duomo di Milano.

2 - Nessuna utilità per la navigazione

La luce emessa dalla lanterna del Faro di Brunate, che alterna fasci luminosi di colore verde, bianco e rosso (come la bandiera italiana) non ha alcuna funzione d'aiuto né alla navigazione di natanti del lago né al volo degli aerei. Si tratta solo di una luce dal valore commemorativo.

3 - Legami con personaggi famosi

Alla costruzione del Faro di Brunate partecipò anche il padre dell'attrice Mara Berni (nome d'arte di Mara Bernasconi), molto famosa tra gli anni Cinquanta e Sessanta durante i quali girò numerose pellicole a fianco dei più famosi attori e registi italiani, come Alberto Sordi e Totò. La stessa Mara Berni ha uno stretto legame con il territorio di Brunate: qui è nata il 12 giugno del 1935.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Torna l'autocertificazione in Lombardia: con il coprifuoco servirà per circolare dalle 23 alle 5

  • Como, non vuole indossare la mascherina e si ribella ai poliziotti: arrestato in centro storico

  • Autunno, tempo di castagne: ecco dove raccoglierle nei dintorni di Como

  • 3 cose che (forse) non sapete sul Faro di Brunate

  • Sul lago di Como come in America: apre il campo delle zucche

  • Coprifuoco Lombardia: firmata ordinanza, torna l'autocertificazione

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
QuiComo è in caricamento