Ispezione all'asilo Sant'Elia di Como: necessari interventi per l'igiene dei locali

Controlli dell'Asl confermati anche dal Comune: "Interventi per consentire che vengano mantenuti i requisiti di salubrità e igienicità dei locali"

L'asilo Sant'Elia

Un'ispezione di Ats Insubria (la vecchia Asl) nei locali dell'asilo Sant'Elia di Como che ha accertato alcune problematiche da sistemare. 
I controlli nella scuola dell'infanzia all'angolo tra via dei Mille e via Alciato, gioiello del razionalismo comasco progettato e realizzato da Giuseppe Terragni a metà degli anni Trenta, risalgono, come fa sapere Ats, al 30 ottobre 2018.

"Nell’ambito delle attività di vigilanza previste dal Piano dei controlli 2018 - rende noto l'ufficio stampa di dell'azienda sanitaria territoriale- il personale del Dipartimento di Igiene e Prevenzione sanitaria di ATS Insubria ha effettuato un’ispezione presso l'Asilo Sant'Elia di Como, in data 30 ottobre e ha rilevato la necessità di effettuare alcuni interventi per consentire che vengano mantenuti i requisiti di salubrità e igienicità dei locali".

Ispezione confermata anche dal Comune di Como: "Si tratta di una richiesta di adeguamenti soprattutto in ambito strutturale e non strettamente legati alla preparazione e somministrazione dei pasti", fanno sapere da Palazzo Cernezzi.

Soltanto ieri un altro caso ha interessato le scuole di Como in particolare per quanto riguarda il servizio delle mense scolastiche: una dipendente di Euroristorazione, la ditta che vinto l'appalto per la fornitura dei pasti e la gestione delle mense scolastiche di Como, ha infatti scritto ai Nas elencando alcuni aspetti igienici a suo dire critici o comunque degni di essere verificati. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Remo Ruffini, presidente di Moncler a Fontana: "Ridateci i milioni donati per la Fiera"

  • Un malore improvviso: addio a Mario Bottiani, fiorista del mercato coperto

  • Ecco cosa cambia se Como entra in zona arancione

  • Mascherine: i 5 errori da non commettere per evitare il contagio

  • Follia Lidl, anche nel Comasco file e corse per le scarpe (comprate a 12.99 e già in vendita a 200 euro)

  • Il Lago di Como, da paradiso dei vip a caso mondiale di covid: un danno incalcolabile

Torna su
QuiComo è in caricamento