Politica Via Vittorio Emanuele II, 97

Sfiducia bocciata: il consiglio comunale "salva" l'assessore Elena Negretti

Non passa la mozione presentata dal gruppo Rapinese Sindaco

La mozione di sfiducia all'assessore al Personale, alla Polizia locale e alle Pari opportunità del Comune di Como, Elena Negretti, non è stata approvata. L'aula di Palazzo Cernezzi ha bocciato la sfiducia proposta dal gruppo Rapinese Sindaco e presentata in consiglio da Ada Mantovani. La votazione è stata a scrutinio segreto: votanti 27, favorevoli 8, contrari 17, schede bianche 2.

La mozione di sfiducia all'assessore Negretti: le motivazioni

Sebbene la sfiducia sarebbe stata bocciata in ogni caso grazie al sostegno della maggioranza di centrodestra, un piccolo contributo (non decisivo) a salvare l'assessore è arrivato anche dal gruppo di opposizione Svolta Civica il cui consigliere Vittorio Nessi ha elencato una serie di motivazioni del voto negativo dato dal suo gruppo. E' stato questo uno dei momenti più accesi della discussione che si è trasformata in uno scontro aperto tra Nessi e Rapinese. In realtà sia Nessi che il collega Maurizio Traglio sono usciti dall'aula prima della votazione che è arrivata dopo mezzanotte.

Sedati gli animi sono continuati gli interventi da parte dei consiglieri di ciascun gruppo. Stefano Fanetti (PD) ha espresso il voto favorevole alla sfiducia spiegando, però, che "per noi l'assessore Negretti non è più responsabile di altri assessori nella cattiva gestione di questa amministrazione".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sfiducia bocciata: il consiglio comunale "salva" l'assessore Elena Negretti

QuiComo è in caricamento