Svolta Civica interroga il Comune sui parcheggi di viale Varese a Como

A fronte dei due progetti presentati si chiede quale sia l'orientamento di Palazzo Cernezzi

Il rendering del progetto Nessi & Maiocchi

Continua a tenere banco la questione dell'aumento dei parcheggi in viale Varese. Tra assolutamente favorevoli e assolutamenti contrari, il dibattito prosegue sempre più animato. A tenere accesi i riflettori, ci ha pensato ieri Vittorio Nessi, consigliere del gruppo di minoranza Svolta Civica per Como, che ha presentato un'interrogazione al sindaco Mario Landriscina ponendo sul tavolo alcune domande di sicuro interesse.

"In data 22 aprile 2018 - si legge nello scritto depositato a Palazzo Cernezi - è stata presentata in Comune, da parte dell’azienda Nessi e Maiocchi, una proposta di realizzazione da parte della stessa di un parcheggio a raso lungo viale Varese. Realizzazione che prevede, in contropartita da parte del Comune la concessione dello stesso parcheggio, con relativo flusso di cassa, alla società proponente per una durata di 30 anni. Che risulta essere stato presentato all’amministrazione anche un ulteriore progetto di ampliamento dell’attuale parcheggio di viale Varese. Progetto che prevederebbe l’intervento diretto da parte del Comune, il quale potrebbe realizzare l’opera pubblica e mantenere il gettito derivante dalla sosta dei veicoli. Che tale ultimo progetto a firma degli ingegneri comaschi Davide Zizolfi e Gianmarco Tavola prevede nove posti in più del progetto Nessi & Maiocchi ed un costo inferiore di circa tre milioni e mezzo oltre al mantenimento dell’attuale zona a verde".

Le richieste di Svolta Civica per Como

Se l’amministrazione sia dotata di un piano parcheggi;
A quanto ammontino gli introiti annuali dell’attuale parcheggio in Viale Varese;
Se nelle proposte della società Nessi e Majocchi e degli ingegneri Zizolfi e Tavola è prevista la rinuncia da parte del Comune (CSU) a tali introiti;
Se i menzionati progetti prevedono il pagamento della sosta anche nelle ore notturne;
Se l’amministrazione intenda portare a termine il progetto di realizzazione di altri parcheggi e in che termini e in particolare quale sia lo stato della pratica relativa alla realizzazione di parcheggi  presso il Collegio Gallio;
Quale sia la procedura, dal punto di vista tecnico e formale, che l’amministrazione intende seguire nella valutazione e nella possibile implementazione dei due distinti progetti relativi a viale Varese. 
Quale sia l’orientamento dell’amministrazione comunale in merito ai due distinti progetti e da quali elementi sia sostenuto questo orientamento.

Domande lecite, che certamente animeranno la discussione dei prossimi mesi in consiglio comunale su un problema che merita attenzione da parte di tutti. Como, in particolare per quanto riguarda la questione parcheggi, non può permettersi passi falsi nè di rimanere ostaggio delle auto o, peggio, di interessi privati. 


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Remo Ruffini, presidente di Moncler a Fontana: "Ridateci i milioni donati per la Fiera"

  • Ecco cosa cambia se Como entra in zona arancione

  • Cantù, Lidl chiuso fino al 29 novembre per aver violato il Dpcm. Le scarpe non c'entrano nulla

  • Como, chiuso il bar Mitico: multati anche i clienti che consumavano sul posto cibi e bevande

  • Deserto Malpensa: le surreali immagini di un viaggio da Como ad Addis Abeba

  • Valduce, la ragazza sul tetto dell'auto che cerca la mamma

Torna su
QuiComo è in caricamento