menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Un'immagine della passata edizione

Un'immagine della passata edizione

Al via 8208 Lighting Design Festival, a Como fino al 24 novembre

Venti giorni di luce con installazioni, performance, eventi e mostre

Sabato 4 novembre alle 18.30 in Pinacoteca, si inaugura a Como 8208 Lighting Design Festival, l’evento dedicato all’arte contemporanea che coinvolge artisti, designer, università e professionisti internazionali con installazioni luminose site-specific in diversi luoghi della città, eventi speciali, workshop e panel che affrontano il tema della luce e della light art.  Il tema della seconda edizione del festival è il “Boundary”, il confine.

Alla conferenza stampa di presentazione è intervenuto Mauro Frangi, presidente della Fondazione Volta, capofila del progetto: "Il festival è nato all'interno della candidatura della nostra città a Como Capitale della Cultura con l'intento di animare con installazioni artistiche alcuni luoghi. L'evento mette in gioco diverse risorse del territorio e porta quest'anno alcuni elementi di novità: la collaborazione con Firenze e Alberobello, l'acquisizione di due opere, che rimarrano di proprietà del Lighting, e, infine, l'allargamento al comune di Cernobbio". Inoltre - aggiunge Frangi - vogliamo rendere abituale per Como la creazione di eventi incentrati sulla luce, senza dimenticare quindi il brand Como Città di Volta. Tutto questo con l'obiettivo di dare attraverso manifestazioni come questa un'identità territoriale sempre più riconoscibile tutto l'anno. 

Matteo Montini - coordinatore di 8208 Lighting Design Festival - ha ricordato alcuni criteri di questa edizione: "Sarà più complessa e articolata, con installazioni capillari all'interno della città nate dalla grande collaborazione tra gli artisti". Lorenzo Guzzini, direttore artistico, ha aggiunto un altro elemento: "Le opere verranno inserite all’interno dei contesti più belli e significativi della città di Como e sono concepite affinchè si possa entrare in interazione con esse e non  solo ammirarle". 

Quest’anno gli artisti chiamati a confrontarsi con il tema del "Boundary” attraverso il mezzo della luce sono stati liberi di interpretarlo come meglio hanno creduto, dando un forte messaggio, a volte su quanto un limite possa essere potente, a volte su quanto esso sia fragile e inutile, a volte quanto possa aiutare e a volte come riesca ad includere, o a escludere. Una barriera fisica, un muro evanescente, una gabbia invisibile, una casa senza muri, sono solo alcuni dei risultati del prodotto dei lavori degli artisti internazionali selezionati per il Festival.

Il Festival ospiterà anche una serie di eventi speciali con un’attenzione alla multidisciplinarietà e alla contaminazione dei linguaggi creativi: un workshop per lo sviluppo illuminotecnico e la creazione di scenari di luce; una giornata di panel sul rapporto tra arte e tecnologia, con il desiderio di coinvolgere professionisti provenienti da tutto il mondo per presentare scenari di riferimento, esempi di innovazione e nuove tendenze; una serata di musica e performance live che si sviluppa al confine delle arti e delle tecnologie, che nasce per inseguire l’integrazione delle arti e creare un nuovo rapporto del pubblico con gli spazi del teatro; una mostra collettiva di sedici artisti, nel corso della quale il buio tratterà la luce nera come medium espressivo in grado di coinvolgere lo spettatore in una innovativa esperienza sensoriale. 

All'interno della rassegna anche un evento promozionale: "Nel blu dipinto di blu". L’idea, in una battuta, è quella di promuovere la luce con la luce. Attraverso l’uso di plastiche colorate di blu, si cambierà la faccia ai monumenti della città durante la notte. La luce bianca che normalmente li illumina, diventerà blu e comunicheranno il Festival nel periodo del suo svolgimento. La volontà è quella di iniziare con i monumenti principali di Como per poi coinvolgere negli anni tutta la città, dalle vetrine dei negozi, all’illuminazione pubblica fino alle luci dei privati per far partecipare la città al festival invitare tutti a farne parte attivamente.

Ma ecco nel dettaglio tutto il programma. 

INSTALLAZIONI
1. ARTISTA: MASSIMO UBERTI

TITOLO OPERA: CASALUCE
LOCATION: VIA PRETORIO

2. ARTISTA: DANIELA DI MARO
TITOLO OPERA: INNER VOICE

LOCATION: PORTA TORRE

3. ARTISTA: VENIVIDIMULTIPLEX
TITOLO OPERA: WAVES
LOCATION: GIARDINI DEL TEMPIO VOLTIANO (Viale Guglielmo Marconi)

4. ARTISTA: KASJO STUDIO
TITOLO OPERA: HORIZONTAL INTERFERENCE
LOCATION: GIARDINI DEL TEMPIO VOLTIANO (Lungo Lario Trento)

5. ARTISTA: MARCO BAROTTI
TITOLO OPERA: IMAGINARY DIVISION
LOCATION: MOLO DI SANT'AGOSTINO

6. ARTISTA: VIKAS PATIL
TITOLO OPERA: COCOON
LOCATION: VILLA BERNASCONI, CERNOBBIO

INSTALLAZIONE
TWISTING CONNECTIONS

L’Installazione “Twisting conncection” è il risultato del workshop “Light art residency” che si è tenuto dal 9 al 15 ottobre a Villa Sucota, un progetto di 8208 Lighting Design Festival con Accademia di Belle Arti Aldo Galli - IED Como e Ostello Bello, in partnership con IED Barcelona. L’installazione sarà sistemata in modo permanente all’Ostello Bello di Como a partire dal 4 novembre.

MOSTRA
BLACK LIGHT ART: la luce che colora il buio

5 NOV 2017 / 7 GEN 2018
PINACOTECA CIVICA

Progetto inserito all’interno di 8208 Lighting Design Festival, a cura di Gisella Gellini e Fabio Agrifoglio, in collaborazione con la Fondazione Mario Agrifoglio e LIGHTQUAKE 2017 - Rocca Albornoziana di Spoleto

EVENTO
A LIGHT BEYOND THE BOUNDARY

11 NOV 2017 - 21.30
TEATRO SOCIALE DI COMO

Evento nell’ambito del progetto LINKS, promosso da Teatro Sociale di Como e MARKER
A Light Beyond the Boundary è una serata speciale che si sviluppa al confine delle arti e delle tecnologie, con suoni di ispirazione sciamanica e una performance live di light art e musica elettronica.

TALK
PHYSICAL TO DIGITAL

18 NOV 2017 - 14.00 / 18.00
ACCADEMIA DI BELLE ARTI ALDO GALLI – IED COMO

1. MAKE AN ARDUINO TALK TO YOU
con Emanuele Lomello
modera Philip di Salvo (Wired)

2. NEW MEDIA ART AND MULTIMEDIA INSTALLATIONS
Part 1: con Ultravioletto
Part 2: con Karmachina

3. DIGICULT: DIGITAL ART, DESIGN AND CULTURE
con Marco Mancuso (Digicult)

4. LA LIGHT ART COME MEZZO ESPRESSIVO PROGETTUALE
con prof. Gisella Gellini (Politecnico di Milano)

EVENTO / PERFORMANCE
LIMEN

18 / 23 NOV 2017 - TUTTI I GIORNI DALLE 18.00 ALLE 21.00
INAUGURAZIONE 18 NOV - 21.00
SERRE DI VILLA DEL GRUMELLO

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Le 5 camminate più belle sul Lago di Como

social

Lago di Como, cinque trattorie all'aperto con vista mozzafiato

social

I 10 migliori rifugi sul Lago di Como

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

QuiComo è in caricamento